Fondi russi alla Lega, mercoledì il confronto a distanza tra Conte e Matteo Salvini. C’è gelo tra premier e vicepremier, l’intervento in Senato potrebbe cambiare gli scenari di governo.

La questione dei fondi russi alla Lega entra nel vivo, con il premier Giuseppe Conte pronto a riferire in Senato alla presenza del vicepremier Matteo Salvini, pronto a prendere nota di tutto quello che il capo del governo dirà ai senatori.

Fondi russi alla Lega, Conte riferisce in Senato

La decisione di Conte di riferire in Senato non è piaciuta a Matteo Salvini, secondo cui non ci sarebbe nulla di cui parlare. Di fronte a un tradimento del premier il leader della Lega potrebbe cedere alle pressioni dei suoi e far saltare il governo. Scenario improbabile ma non impossibile.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Giuseppe Conte Matteo Salvini Luigi Di Maio
Roma 05/06/2018 – Senato della Repubblica voto di fiducia al nuovo Governo / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Giuseppe Conte-Luigi Di Maio-Matteo Salvini

C’è frizione tra Conte e Salvini

Al momento premier e vicepremier non si sono confrontati sulla questione e sembra che non si sentiranno prima di mercoledì. Di fatto l’intervento di Conte sarà a scatola chiusa per Matteo Salvini.

Matteo Salvini e Giuseppe Conte
fonte foto https://www.facebook.com/salviniofficial/

Lega e Movimento Cinque Stelle cercano la soluzione per disinnescare il rischio di una crisi di governo

Nella giornata di martedì, alla vigilia dell’intervento di Conte, Salvini dovrebbe incontrare Luigi Di Maio. Il rapporto tra i due leader è teso e rischia di complicarsi ulteriormente se non si dovesse trovare un compromesso sui fascicoli caldi, quello sull’Autonomia in primis.

Al momento la crisi di governo sembra evitabile ma non è ancora scongiurata. Lo stesso Salvini non sembra più così convinto di voler andare fino in fondo. A meno che il MoVimento non cambi registro e magari qualche ministro, sostituendo Toninelli e Trenta.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 22-07-2019


Salario minimo, il M5s chiede di accelerare l’iter. Frenata della Lega

Salvini fa tremare il governo: Pronti ad andare avanti da soli