Sainz sulla Ferrari: “Il mio sogno è sempre stato quello di vincere un trofeo con la Rossa e ci proverò”.

ROMA – Parole d’amore di Carlos Sainz verso la Ferrari. L’avventura del pilota spagnolo è ufficialmente iniziata e non mancano gli apprezzamenti nei confronti di della sua nuova squadra: “Ogni volta che sogni la Ferrari, sogni di vincere – ha ammesso l’iberico, riportato dal Corriere dello Sport il mio sogno è sempre stato quello di vincere un giorno, con la Ferrari. Darò tutto per cercare di farlo accadere, ma sono consapevole che il cammino è ancora lungo“.

Sainz: “Voglio aprire un mio ciclo in Ferrari”

Sainz non ha nessuna intenzione di lasciare la Ferrari dopo solo due stagioni: “Arrivo alla Ferrari per fare del mio meglio e, soprattutto, aprire un nuovo ciclo“.

Per il pilota spagnolo ci sarà da convivere con Charles Leclerc: “Sono sicuro che andremo d’accordo. Con lui ho un ottimo rapporto da quando è arrivato in Formula 1“.

Carlos Sainz
Carlos Sainz

Sainz: “Il primo giorno con la Rossa è stato speciale”

Un’avventura per Carlos Sainz iniziata subito dopo il suo ultimo Gran Premio con la McLaren: “Era una tuta ufficiale senza sponsor, la stessa che userò nelle prime prove con la Ferrari. E’ realizzata su misura. Quando ti sta bene fin dal primo giorno, ti guardi allo specchio e vedi che sta accadendo“.

Una prima volta che difficilmente dimenticherà: “E’ stato un sogno sedermi sulla Ferrari – ha ammesso Sainz – per raccontare un aneddoto, non ho indossato il casco e ho dovuto usare quello di Marc Gené. Posso dire che la prima volta in Ferrari è stata con un casco Gené. E’ stato un giorno speciale che sono sicuro non dimenticherò mai“. Messa da parte l’emozione, lo spagnolo è pronto ad aiutare la squadra per mettere in pista una vettura competitiva almeno per il podio.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
Carlos Sainz ferrari Formula 1 motori

ultimo aggiornamento: 21-12-2020


Tesla sbarca nel listino ricco di Wall Street

Decreto Natale, i chiarimenti del governo: spostamenti, cenone e sanzioni, cosa bisogna sapere