La prima giornata della seconda parte dei test di Barcellona si è chiusa nel segno di Robert Kubica. La Ferrari continua a ‘nascondersi’.

BARCELLONA (SPAGNA) – La Ferrari continua a giocare a nascondino nei test di Barcellona. La Rossa è scesa in pista in questa prima giornata della seconda sessione con Sebastian Vettel (al mattino) e con Charles Leclerc (al pomeriggio). Per i due è stata l’occasione di mettere a referto più giri possibili in vista dell’Australia.

Nessuna modalità qualifica con il decimo crono per il tedesco e il tredicesimo per il monegasco. Una giornata che è servita per raccogliere dati e provare a ridurre le distante con la Mercedes.

Robert Kubica il migliore

Continuano ad essere test molto particolari. Il miglior crono questa volta è stato firmato dal tester dell’Alfa Romeo, Robert Kubica, che al termine della lunga giornata ha preceduto di quattro decimi sia Max Verstappen che Sergio Perez.

Ancora davanti le AlphaTauri di Daniil Kvyat e Pierre Gasly con Alexander Albon, in sesta posizione, che ha preceduto Lewis Hamilton. Solo non Valtteri Bottas anche alle spalle di Lance Stroll. Da ricordare che il polacco dell’Alfa in questa prima giornata ha preso il posto di Antonio Giovinazzi, il titolare della monoposto.

Robert Kubica
Robert Kubica (fonte foto https://twitter.com/alfaromeoracing)

Attesa per le prossime giornate

C’è grande attesa per le ultime due giornate. Molta curiosità su come si comporterà la Ferrari. La scuderia di Maranello sembra giocare a nascondino come la stessa Mercedes. Una doppia sfida, insomma, a carte scoperte in attesa dell’Australia.

Il Das sembra dare quel qualcosa in più alla scuderia campione del mondo ma come sempre la pista potrebbe stravolgere i pronostici. I test, questa volta, non sembrano dare indicazioni particolari se non una Mercedes un po’ più veloce rispetto alle avversarie grazie a questo volante particolare. Anche se fino a questo momento quasi tutte le squadre non hanno voluto svelare i segreti.

fonte foto copertina https://twitter.com/alfaromeoracing


Rossi, “Con le gomme vado in crisi come nel 2019”

Cambio robotizzato: cos’è e come funziona