La penultima giornata dei test di Barcellona sorride alla Ferrari e a Sebastian Vettel. Piccolo problema, invece, per la Mercedes di Hamilton.

BARCELLONA (SPAGNA) – Uno squillo anche se i dubbi restano. La penultima giornata dei test di Barcellona ha visto la Ferrari davanti a tutti con Sebastian Vettel. Un crono ottenuto con la gomma rossa che non ha convinto gli addetti ai lavori visto che Pierre Gasly e Lance Stroll sono riusciti a conservare il distacco in due decimi ma le buone notizie arrivano dalla simulazione gara.

Un piccolo segnale per gli uomini di Maranello che stanno cercando quella continuità mancata lo scorso anno. Si tratta di una buona prova in vista di Melbourne anche se la Mercedes continua ad essere leggermente favorita.

La Mercedes gioca a ‘nascondino’

Da una parte la Ferrari e dall’altra la Mercedes. Solo 47 giri per Valtteri Bottas con il settimo crono complessivo ad oltre un secondo di ritardo da Vettel. Tempi che dicono poco per il futuro e per avere le prime indicazioni dobbiamo aspettare Melbourne.

La preoccupazione, però, non manca nella scuderia anglo-tedesca dopo il problema all’olio registrato da Lewis Hamilton. Una sessione chiusa in anticipo per il britannico con la W11 che ha iniziato ad avere i primi problemi di affidabilità.

Lewis Hamilton Barcellona
fonte foto https://twitter.com/MercedesAMGF1

Attesa per Melbourne

Ultima giornata di test a Barcellona quella di venerdì 28 febbraio 2020 prima dell’esordio stagionale a Melbourne. Grande attesa per l’appuntamento in Australia dove si entrerà nel vivo della stagione. I test hanno evidenziato una Mercedes più in forma rispetto alla Ferrari anche se il cammino è ancora molto lungo.

La Rossa spera di riuscire a colmare questo piccolo gap con Hamilton e Bottas per iniziare a guardare con fiducia al futuro e soprattutto mantenere aperta la lotta per il titolo almeno fino all’ultima gara anche se non sarà semplice.

fonte foto copertina https://twitter.com/ScuderiaFerrari


Tentazione Ferrari per Ricciardo

Benzina al posto del gasolio: cosa fare per evitare danni