Formula E, vittorie di Di Grassi e Mortara nel GP del Messico. Due successi che cambiano ancora una volta la classifica generale.

PUEBLA (MESSICO) – Formula E, vittorie di Di Grassi e Mortara nel GP del Messico. Nell’ottavo appuntamento della stagione primi successi per i due piloti che riaccendono la lotta per il titolo. Mancano ormai tre appuntamenti (sei gare) al termine del Mondiale e la caccia al primo posto è aperta.

Gara-1 – In Gara-1 il successo è andato ad uno straordinario Lucas Di Grassi. L’ex pilota di Formula 1 ha approfittato di una penalizzazione per Pascal Wehrlhein per balzare al comando dopo il traguardo e andare a fare una straordinaria doppietta con il compagno di squadra René Rast. Sul terzo gradino del podio Mortara.

Gara-2 – Svizzero che si è ripreso con gli interessi il podio andando a vincere in Gara-2. Anche in questo caso una nuova beffa per Wehrlhein beffato in vista del traguardo. Il terzo posto in questa prova è stato conquistato da Cassidy.

Le classifiche

I due posti podi hanno permesso a Edoardo Mortara di portarsi in vetta alla classifica a sei gare dalla fine. Lo svizzero con i suoi 72 punti ha superato sia Robin Frijns (62) che Antonio Da Costa (60). Quest’ultimo è appaiato in classifica con Rast (60) ed Evans (60).

Per quanto riguarda il Mondiale Costruttori la Mercedes resta in testa con 113 punti. La Techeetah balza al secondo posto (110) mentre la Jaguar (109) scende al terzo. Una lotta a tre che molto probabilmente si deciderà nel finale di stagione.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

MotoGP Formula 1 Formula E
MotoGP Formula 1 Formula E

Prossimo appuntamento negli Stati Uniti

Ora un periodo di riposo prima di ritornare in pista con un doppio appuntamento a New York. Mancano sei gare alla fine ed è sempre minimo il margine di errore. Per questo motivo ci attendiamo una gara molto interessante con Mortara che sarà chiamato ad una conferma dopo l’ottimo weekend messicano.


Matrimoni, Rc auto e tamponi: gli emendamenti del decreto Sostegni bis

Telepass gratis: quando è possibile non pagarlo