Il Forum Ambrosetti ha preso il via ed è stato confermato un Pil in forte ripresa. In crescita anche la fiducia delle imprese.

COMO – Il Forum Ambrosetti è iniziato e il termometro del Club ha confermato un Pil in forte ripresa. Secondo le previsioni, riportate dall’Ansa, l’Eurozona potrebbe avere un rimbalzo del 6%, mentre l’Italia dovrebbe crescere del 5%, ma si tratta di numeri comunque che saranno rivisti nei prossimi mesi.

Se non ci saranno particolari frenate dovute al coronavirus, la ripartenza potrebbe consolidarsi ancora di più nel quarto trimestre e regalare numeri più alti di quelli ipotizzati. Ma molto dipenderà dall’andamento del Covid e dalle misure che i singoli Paesi metteranno in campo per contrastare i contagi.

In forte ripresa la fiducia delle imprese

Segnali di ripresa anche per la fiducia delle imprese. Secondo quanto riferito dal Club Ambrosetti nel mese di agosto la valutazione è balzata dal 30,2 di giugno a 70,6. Si tratta di numeri che molto probabilmente si consolideranno a settembre e avremo un terzo trimestre record per quanto riguarda le aziende italiane.

Si tratta comunque di segnali importanti che confermano una ripartenza dopo la pandemia. Le incertezze, però, non mancano e per questo motivo l’ultima parte dell’anno sarà decisiva per capire se il coronavirus è stato messo definitivamente alle spalle almeno per quanto riguarda le misure restrittive per contrastare un eventuale aumento dei casi.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Euro risparmi
Euro risparmi

Aumenta il prezzo delle materie prime

La ripresa economica ha portato anche ad un incremento delle materie prime. Una crescita superiore al 30% in tutti gli elementi, con il ferro che da febbraio 2020 a luglio 2021 ha registrato un rialzo del 144,2%. Un aumento dovuto sia alla “rapida crescita della domanda di prodotti finiti da parte dei consumatori, sia alle complessità logistiche”, è riferito nella nota del Club Ambrosetti riportata dall’Ansa.


Borse 3 settembre, Milano ritorna in rosso

4 settembre 1998, fondazione di Google: un impero da 740 miliardi