Puglia: arriva in paese con l’asino e lo ‘posteggia’ davanti alla banca. Poi ritira i soldi dallo sportello automatico. La foto che ha fatto il giro del web.

A distanza di un anno torna in auge grazie al web la foto – quantomeno curiosa – di un asino posteggiato davanti a una banca di Cagnano Varano, nel Foggiano. La foto nasconde una vera e propria leggenda. Sembra che il proprietario dell’asino sia arrivato nel piccolo paese proprio in sella al suo animale e lo abbia ‘posteggiato’ davanti alla banca. A quel punto si sarebbe recato allo sportello automatico per prelevare i soldi con il bancomat.

asino in Puglia
Fonte foto: https://www.facebook.com/inchiostrodipuglia/?tn-str=k*F

Puglia, ‘posteggia’ l’asino… e va in banca

Sembra che lo scatto risalga al 2017 e sia venuto alla luce dal deep web solo a distanza di un anno, quando lo scatto ha conquistato le bacheche dei maggiori social network e ha intasato le chat delle applicazioni per la messaggistica istantanea.

Non sono noti al momento i dettagli della vicenda. Il proprietario – e conducente – dell’asino è ancora anonimo ma non è da escludere che possa venire alla ribalta sfruttando l’ondata di notorietà che ha investito il suo bellissimo esemplare di asino.

C’è un però. I più maliziosi hanno sostenuto che la foto sia stata rilanciata per una strategia commerciale. Dallo scatto è infatti riconoscibile il logo di una banca che proprio in questi giorni ha investito molto sulle televisioni e sulle radio per la pubblicità. Niente di strano, ma i complottisti del caso non escludono che possa trattarsi di una pubblicità collaterale… e gratuita. In fondo i social network possono fruttare molto più della cara vecchia pubblicità.

Fonte foto: https://www.facebook.com/inchiostrodipuglia/?tn-str=k*F

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Cagnano Varano cronaca evidenza puglia

ultimo aggiornamento: 21-09-2018


Pedofilia nella Chiesa, don Mauro Galli condannato a sei anni e quattro mesi

Sardegna, intolleranza in un ambulatorio: troppa attesa “per colpa di un negro”