La ministra degli esteri e probabile futura premier si scaglia contro la Cina.

Lizz Truss, ministra degli Esteri britannica è la più probabile ad assumere il ruolo di Prime Minister. La ministra ha detto di voler dichiarare per la prima volta la Cina minaccia per la sicurezza nazionale del Regno Unito se verrà eletta premier. L’indiscrezione è stata riportata sul Times che cita fonti vicino alla ministra Truss.

“Il ministro degli Esteri ha promesso di rimodellare la politica estera se diventerà primo ministro”, spiegano le fonti del quotidiano britannico. “Si è impegnata a riaprire la revisione integrata, pubblicata lo scorso anno, che ha stabilito le priorità britanniche in diplomazia e difesa nel prossimo decennio”. Lizz Truss è la favorita alla poltrona e non si sbilancia solo nei confronti della Cina ma anche nei confronti della Francia.

paesaggio londra panorama
paesaggio londra panorama

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La linea di Liz Truss

“Il presidente Macron amico o nemico? La giuria è ancora fuori” scherza Truss, che aggiunge: “Se diventassi primo ministro, lo giudicherei dai fatti, non dalle parole”. Dopo la Brexit la maggioranza dei britannici Tories vede la Francia come uno stato rivale.

Gli elettori sono dalla sua parte e non considerano la Francia di Macron come paese amico. “Non so se l’amicizia entra in gioco. È solo politica. Lui deve fare il meglio per il suo Paese e noi dobbiamo fare il meglio per il nostro” sottolinea una militante Tory.

C’è chi ritiene che queste dichiarazioni non siano molto sagge da parte della ministra Truss perché potrebbe non facilitare i rapporti con il vicinato e complicare le relazioni diplomatiche internazionali. Ma sembra che sia questa la linea delineata da Liz Truss in merito alla questione del post Brexit che il prossimo inquilino di Downing Street dovrà gestire.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 29-08-2022


Caro Energia, le misure dell’Unione europea per risparmiare 

Artemis 1, tra qualche ora inizia il conto alla rovescia della NASA