Secondo un alto consigliere del presidente ucraino Zelensky, Putin avrebbe individuato i responsabili del fallimento militare.

Putin starebbe mettendo in atto una vera e propria azione epurativa dei suoi vertici. Ha infatti sospeso il generale Gerasimov e licenziato altri alti ufficiali. Secondo il presidente russo questi sarebbero responsabili del fallimento dell’andamento della guerra in Ucraina. Gerasimov è il comandante in capo dell’esercito russo e sarebbe stato sospeso da Putin perché incapace di raddrizzare la situazione al fronte. Putin starebbe mettendo in atto una vera e propria epurazione dei suoi stessi vertici militari.

Il generale Valery Gerasimov era assente alla parata della vittoria a Mosca il 9 maggio e questo aveva creato molti dubbi riguardo ai vertici russi. Poi, nei giorni scorsi era stato inviato da Putin al fronte per risollevare le truppe russe in Ucraina. L’esercito russo sta incontrando sempre più difficoltà e lo dimostrano le numerose perdite tra i soldati ma anche tra i generali e i vertici dell’esercito.

Ma Gerasimov avrebbe fallito in questa operazione di salvataggio dell’operazione militare ed è stato sospeso da Putin. La notizia arriva da un alto consigliere di Zelensky, Oleksiy Arestovych. Secondo il consigliere ucraino, un altro gruppo di alti ufficiali di Mosca sarebbe stato licenziato o addirittura arrestato. Putin sembra aver messo in atto una vera e propria azione epurativa dei comandanti delle sue truppe.

soldato russo
soldato russo

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

L’azione epurativa di Putin

Secondo Putin questi sarebbero i veri colpevoli e responsabili delle numerose sconfitte in Ucraina. “Secondo le nostre informazioni, Gerasimov è stato di fatto sospeso. Stanno decidendo se dargli il tempo di aggiustare le cose o no. Anche il comandante del primo esercito di carri armati del distretto militare occidentale, il tenente generale Sergei Kisel, è stato arrestato e licenziato dopo la pesante disfatta di Kharkiv”, ha detto il consigliere del presidente ucraino. Le ultime notizie relative al capo di stato maggiore russo lo vedevano coinvolto in un attentato a Izyum ma il New York Times ha assicurato che è scampato all’attentato.

L’epurazione di Putin nei confronti dei suoi vertici sarebbe anche il motivo del tono del discorso dello zar nella cerimonia del 9 maggio. Secondo una ricercatrice georgiana Mikhelidze Putin sarebbe in uno stallo. “È come se la guerra avesse raggiunto un plateau e Putin non sa che fare. È deluso, ma non può darlo a vedere, voleva una vittoria e la vittoria ancora non c’è. Naviga a vista. Ma è stato sorpreso della risposta internazionale a fianco dell’Ucraina e ha capito che l’escalation non è nel suo interesse”. 

La ricercatrice giorni fa aveva preannunciato questa decisione di Putin. “Io credo che il Cremlino non è contento dell’andamento della guerra e che se le cose non vanno come previsto a pagare sarà proprio Gerasimov. L’assenza, forse, è stata suggerita, magari via il ministro della Difesa Shoigu. La vedo più come un avvertimento: o vinci o salti” ha detto la georgiana dopo l’assenza del generale il 9 maggio a Mosca.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 13-05-2022


Crimini di guerra: militare russo processato

“Ma vaff…” il video della lite tra Paolo del Debbio e la giornalista russa