Dalla Francia: Gerard Depardieu accusato di violenza sessuale: aperta un’indagine preliminare ai danni dell’attore dopo la denuncia di una ventenne. Archiviata.

Nuovo terremoto nel mondo del cinema che questa volta vede al centro della bufera l’attore francese Gerard Depardieu, al centro di un’indagine per un caso di violenza sessuale ai danni di una giovane attrice e ballerina. L’indagine è stata archiviata.

L’attore Gerard Depardieu al centro di un’indagine per un caso di violenza sessuale ai danni di una ventenne

A denunciare l’attore è stata un’attrice e ballerina di vent’anni la quale avrebbe accusato Depardieu di averla violentata. Stando alla testimonianza della giovane, lei sarebbe stata invitata nell’appartamento della star francese e proprio lì si sarebbe compiuta la violenza da parte dell’attore che l’avrebbe violentata due volte. Stando a quanto riportato dalla Francia, al momento sarebbe in corso un’indagine preliminare a carico di Gerard Depardieu con il procuratore di Aix-en Provence che avrebbe già trasmesso il materiale raccolto e gli atti alla Procura di Parigi.

Il legale di Gerard Depardieu: “Sono convinto che sarà riconosciuta la sua innocenza”

L’attore ha preferito non rilasciare dichiarazioni sulla vicenda affidandosi esclusivamente alle parole del suo legale, Herve Temime: “Gerard Depardieu contesta in modo assoluto qualsiasi aggressione o stupro – ha fatto sapere l’avvocato. Deploro la pubblicità di questa procedura, che reca un grave danno a Gerard Depardieu. Sono convinto che sarà riconosciuta la sua innocenza” . Netta dunque la presa di posizione da parte dei legali dell’attore francese che non dovrebbe rilasciare dichiarazioni pubbliche fino alla conclusione delle indagini.

Indagine archiviata

L’indagine a carico dell’attore è stata archiviata.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
esteri francia gerard depardieu parigi

ultimo aggiornamento: 31-08-2018


Tensione Stati Uniti-Russia, Mosca: “Un attacco in Siria potrebbe avere conseguenze gravi”

Commissario Ue: “Italia non può lamentarsi, corregga i conti”