Continuano le indagini per l’omicidio di Lola Daviet: il mistero dei video postati dall’assassina prima dell’omicidio.

Lola Daviet è la bambina 12enne uccisa a Parigi, trovata morta la settimana scorsa, il 14 ottobre, in circostanze macabre. L’assassina è Dahbia B, una donna 24enne senzatetto, di origine marocchina. In seguito alle indagini, sono emersi nuovi dettagli della vita dell’assassina. Stando a quanto emerso, pare che Dahbia B non sia una senzatetto, come aveva dichiarato.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

I video Tik Tok

Nei video pubblicati sul suo profilo Tik Tok la situazione è molto diversa. Adesso, alla luce di queste nuove informazioni, è attesa la perizia psichiatrica nei confronti della donna. Durante i giorni scorsi la donna avrebbe confessato di aver commesso l’omicidio della piccola Lola, per poi ritrattare la versione fornita.

Prigione

Attualmente, la 24enne si trova all’interno di una cella di isolamento della prigione femminile di Fresnes, nella periferia sud della Capitale francese. Si attende la perizia psichiatrica che decreterà la possibilità di un eventuale trasferimento della colpevole a Villejuif. L’accusa è di omicidio e stupro con atto di tortura e barbarie su un minore di 15 anni.

Dahbia, senzatetto o donna con problemi psichiatrici?

Sono ancora molti i dubbi che aleggiano sul caso della morte di Lola Daviet. In un primo momento, la clochard algerina avrebbe confessato, per poi ritrattare subito le deposizioni rilasciate. Ad oggi, in seguito alle indagini, è emerso che la presunta assassina avrebbe un decreto di espulsione alle spalle.

Durante gli ultimi anni, la donna viveva ospitata a casa di un amico e della sorella, residenti proprio nel palazzo in cui abitava Lola. Proprio per questo motivo, gli inquirenti avevano avanzato l’ipotesi che Dahbia B. fosse una clochard.

Ma nei profili social della donna la situazione sembra tutt’altra. Negli ultimi video postati poco prima dell’omicidio di Lola, la donna si riprende mentre canta e balla Stand By Me di Ben E. King, o No della cantante francese Louane, truccata e vestita di tutto punto. Dai contenuti postati, sembra non emergere una situazione di disagio che faccia intendere che Dahbia viva per strada.

Stando a quanto riferito da un conoscente della donna, recentemente Dahbia aveva mostrato alcuni segni di squilibrio. “L’ultima volta che l’ho vista è stato 10 giorni fa. Aveva un po’ perso la bussola, nel senso che parlava da sola. Muoveva le labbra…le chiedevo ‘ma che dici?’ e lei rispondeva ‘niente, niente, è fra me e me’”, dice l’uomo.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 24-10-2022


Milano, trovato in macchina con ferite d’arma da fuoco

Omicidio Valdiserri, il papà: “Era un ragazzo puro”