La leader di Fratelli d’Italia ha esultato per la sconfitta del governo Draghi.

Giorgia Meloni è pronta ad andare al voto. Lo scenario che si voleva evitare ora sembra inevitabile. Molto probabilmente Mattarella indirà le elezioni per gli inizi di ottobre. A spingere maggiormente per questa strada è stata proprio la leader di Fratelli d’Italia le cui intenzioni di voto le conferiscono la vittoria e la salita a Palazzo Chigi. Per questo, dopo la giornata di ieri Meloni ha esultato per la decisione dei suoi alleati che hanno deciso di seguirla e andare alle urne non votando la fiducia a Draghi.

La legislatura è finita” proclama Giorgia Meloni. “Un anno fa ci dicevano che stavamo tornando nella fogna” ricorda la leader sul palco di Piazza Italia. “Abbiamo avuto tre governi diversi, tre maggioranze diverse. Ce n’è uno che ha funzionato? No. La storia ci ha dato ragione” dichiara Meloni. La leader del partito di destra all’opposizione invoca da mesi le elezioni anticipate e ha sfruttato la crisi di governo per rincarare la dose.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Meloni: “La storia ci ha dato ragione”

GIORGIA MELONI

Milioni di italiani vorrebbero tornare alle urne e chiedono rispetto. Ma per la maggioranza dei partiti, evidentemente, non sono meritevoli di considerazione” dice già in campagna elettorale la leader. Meloni aveva in varie ripreso attaccato Draghi e la delegittimazione del Parlamento come hanno mostrato ieri gli interventi del suo partito che ha fatto riferimento ai pieni poteri di Draghi.

Il pressing di Giorgia Meloni nella giornata di ieri è stato un tour de force anche sui colleghi di coalizione che li ha convinti alla fine a non votare la fiducia a Draghi. “Per anni ci siamo sentiti dire che non eravamo responsabili. Ora sentiamo dire che gli italiani sono migliori di questo Parlamento. Allora perché è stato tenuto in piedi?” incalza la leader di FdI.

Punta ad aizzare lo spirito democratico e la libertà di scelta del popolo con fasi come “la volontà dei cittadini si manifesta con un voto libero e segreto, le parate le fanno nei regimi” riferendosi alle manifestazioni pro-Draghi dei giorni scorsi per cui il premier in Senato ha detto di essersi ripresentato in Aula. E continua a difendere la strada del voto dicendo “non fatevi spaventare. Non è vero quello che vi hanno detto sulle elezioni, che sono spaventose e che si blocca tutto.”

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 21-07-2022


Draghi sale al Quirinale per dimettersi: cosa succede ora?

La fine del campo largo