Giulia Tramontano, chiesto giudizio immediato per Impagnatiello
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Giulia Tramontano, chiesto giudizio immediato per Impagnatiello

uomo in carcere dietro le sbarre

Sono stati contestati quattro reati all’assassino di Giulia Tramontano, nonché suo compagno: la Procura chiede il giudizio immediato.

Arriva la svolta nel caso dell’omicidio di Giulia Tramontano, la 29enne incinta di sette mesi uccisa a maggio dal fidanzato Alessandro Impagnatiello, a Senago. La Procura di Milano ha chiesto il giudizio immediato per il 30enne, accusato di premeditazione.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

uomo carcere prigione

Giudizio immediato per Impagnatiello

Nonostante aver tentato in tutti i modi di discolparsi dalla morte di Giulia Tramontano, per Impagnatiello la sentenza definitiva è stata più dura di quanto si aspettasse. Dopo aver ricostruito l’accaduto, è stata la Procura di Milano a chiedere il giudizio immediato per il barman.

L’aggiunta Letizia Mannella e il pm Alessia Menegazzo contestano al 30enne – oltre di aver ucciso con 37 coltellate Giulia – anche le aggravanti di crudeltà, premeditazione e futili motivi. Adesso bisognerà attendere la risposta del gip Angela Minerva.

Secondo l’accusa, Impagnatiello avrebbe cercato di bruciare e di sbarazzarsi del corpo della 29enne, dopo il delitto. Il cadavere è stato poi ritrovato dopo quattro giorni poco lontano dall’abitazione in cui viveva la coppia.

Avvelenata col veleno per topi

I risvolti della vicenda sono drammatici. Secondo le ricostruzioni, Giulia Tramontano sarebbe stata uccis fra le 19.05 e le 21 del 27 maggio 2023, poche ore dopo aver incontrato l’amante di Impagnatiello.

Dai risultati autoptici è emerso che Giulia Tramontano era stata avvelenata con del veleno per topi, tesi confermata poi dalle chat ritrovate sul telefono della vittima. La 29enne infatti, avrebbe scritto diverse volte sia alla famiglia che ad amici, raccontando di sentirsi “come drogata” e che l’acqua che aveva in casa sua puzzava di ammoniaca.

Fino al mese scorso, però, Alessandro Impagnatiello ha continuato a discolparsi dichiarando che tutte quelle sostanze gli servivano per uccidere i ratti che infestavano il suo bar.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 4 Novembre 2023 11:27

Ora la verità della famosa modella diventa pubblica: “Mi prendeva per il collo. A volte bastava un like sbagliato su Instagram per farlo arrabbiare”

nl pixel