Tutti convocati da Sergio Mattarella lunedì. Il Colle ha comunicato che il presidente della Repubblica incontrerà nuovamente i partiti per cercare una soluzione.

ROMA – In attesa di capire le decisioni della direzione del Partito Democratico, il Colle ha comunicato che nella giornata di lunedì il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, farà un nuovo giro di consultazioni per cercare di capire altre prospettive di governo. Venti minuti a delegazioni per provare ad arrivare ad una soluzione che al momento sembra improbabile.

Mattarella ha intenzione di chiedere ai partiti di mettere delle nuove proposte per dar vita ad un nuovo governo.

Mattarella consultazioni
Mattarella al termine del primo giro di consultazioni (fonte foto http://www.quirinale.it/elementi/Elenchi.aspx?tipo=Foto)

Governo, lunedì il giorno di svolta?

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha deciso di attendere lunedì per far passare un weekend dove i partiti possono avere un nuovo margine di consultazioni. “A distanza – scrive nella nota il Quirinale – di due mesi le posizioni di partenza sono rimaste invariate. Non è emersa alcuna prospettiva di governo. Le nuove consultazioni serviranno per capire se i partiti abbiano altre prospettive di maggioranza“.

In caso di una nuova fumata nera resterebbero due strane: la prima ipotesi porta alle nuove elezioni a giugno anche se il Colle al momento la esclude. Più probabili, invece, le elezioni a novembre con un governo tecnico che in questi mesi si metta al lavoro per cambiare la legge elettorale.

In questo caso non è da escludere l’ipotesi di un governo Gentiloni o un nuovo premier ‘sfiduciato’ ma incaricato comunque di portare il Paese verso la scadenza delle urne. Insomma siamo arrivati allo sprint finale per il nuovo governo: lunedì il giorno decisivo.

Il video con Mattarella che inaugura la mostra ‘Segnare le Ore’

fonte foto copertina http://www.quirinale.it/elementi/Elenchi.aspx?tipo=Foto

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 03-05-2018


Governo – Salvini: “Disposto a parlare con il M5s”. Di Maio: “Si torni al voto”

Direzione Pd, Martina traccia la linea: “No a governi con M5s e centrodestra”