F1, GP del Canada: respinta la revisione richiesta dalla Ferrari sul caso Vettel

F1, Gp del Canada: respinto il ricorso della Ferrari per il caso Vettel-Hamilton. I piloti non saranno ascoltati dai commissari.

Il ricorso presentato dalla Ferrari per il GP del Canada è stato respinto. I commissari di gara non hanno ritenuto rilevanti le prove presentati dagli uomini della Rossa, secondo cui la decisione di penalizzare Vettel, privandolo di fatto della vittoria che aveva ottenuto in pista, sarebbe stata rivedibile e non legittimata dagli eventi.

Gp del Canada: il ricorso della Ferrari e l’incontro con i commissari di gara

L’attesissimo incontro tra i giudici di gara e la Ferrari è durato una trentina di minuti circa. Nell’occasione gli uomini della Rossa hanno presentato le prove secondo cui Vettel non abbia compiuto una manovra azzardata o pericolosa per ostacolare Lewis Hamilton.

Il caso ormai noto è quello del quasi-contatto avvenuto tra il ferrarista e il pilota della Mercedes in Canada. Vettel, alla guida della corsa, sbaglia una staccata, esce di pista all’altezza di una curva e rientra – ancora primo – con una manovra che porta la macchina sulla parte destra della pista, lì dove stava passando Hamilton, pronto ad approfittare dell’errore dell’avversario.

Secondo i giudici di gara Vettel, guardando nello specchietto retrovisore e vedendo arrivare Hamilton, decide di allargare la traiettoria di rientro chiudendo la Mercedes verso il muro. A quel punto il campione del mondo in carica sarebbe stato costretto a frenare bruscamente per evitare l’impatto.

Secondo il team della Rossa invece il pilota tedesco non ha compiuto manovre inusuali.

Di seguito il video della manovra in questione, costata una penalità a Vettel che, pur tagliando per primo il traguardo, ha dovuto cedere la vittoria ad Hamilton.

Le prove presentate dalla Ferrari non sarebbero rilevanti

Per la commissione che ha analizzato il caso però non sarebbero emerse prove rilevanti al punto da poter procedere con una revisione della decisione.

Di seguito il comunicato

I Commissari hanno ricevuto dalla Ferrari la richiesta di revisione, per mezzo dell’articolo 14 del Codice Sportivo Internazionale della FIA, della decisione presa dagli steward nel corso del Gran Premio del Canada 2019. I commissari hanno convocato il team e dato loro udienza alle 14:15 di venerdì 21 giugno 2019. Hanno ascoltato il rappresentante del team Laurent Mekies, che ha mostrato una presentazione agli steward. Avendo esaminato le prove presentate dalla squadra, i Commissari hanno deciso che “non ci sono significativi e rilevanti elementi non disponibili al momento della decisione.

Per le seguenti ragioni: secondo l’art.14 del Codice Sportivo Internazionale della FIA e l’art.2.2 del regolamento sportivo della F1, questi elementi dovevano essere considerati nuovi e non a disposizione della Scuderia Ferrari prima del termine dell’evento (ore 18:44 del 9 giugno 2019, fine delle verifiche tecniche)”.

ultimo aggiornamento: 22-06-2019

X