Dal 6 dicembre l’obbligo del Green Pass viene esteso anche al trasporto pubblico: l’obbligo scatta dai 12 anni.

Dal 6 dicembre, data di entrata in vigore del decreto Super Green Pass, la certificazione verde sarà obbligatoria anche per salire su tram, bus e metro e l’obbligo parte dai 12 anni di età. Una decisione che ha scatenato diverse polemiche, anche perché il Green Pass non è richiesto per entrare a scuola. Inoltre per la famiglia di un ragazzo che va a scuola con i mezzi pubblici i tamponi rischiano di diventare una spesa difficile da sostenere.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Cosa prevede il decreto Super Green Pass

Partiamo dalle basi. Dal 6 dicembre entra in vigore il decreto Super Green Pass che estende il Green Pass obbligatorio anche ai mezzi pubblici. Tradotto, dal 6 dicembre per prendere bus, tram e metropolitane si dovrà essere in possesso della certificazione verde. Del Green Pass base, per la precisione. Si tratta della certificazione rilasciata ai vaccinati, ai guariti e ai soggetti non vaccinati e non guariti che fanno il tampone. Il Super Green Pass invece viene rilasciato solo a guariti e vaccinati.

Bus e metropolitane, Green Pass (base) obbligatorio dai 12 anni

Secondo quanto anticipato da il Corriere della Sera, il Green Pass sui mezzi pubblici è obbligatorio per le persone dai dodici anni poi, quindi anche per i ragazzi. Questa è la decisione assunta al termine di un vertice tra gli addetti del Viminale e del Ministero dei Trasporti. Per la conferma definitiva si attende la pubblicazione delle Faq (risposte alle domande frequenti) sul sito del governo.

Sono esentati dall’obbligo i soggetti che non possono vaccinarsi per motivi di salute e i bambini di età inferiore ai 12 anni.

GREEN PASS
GREEN PASS

Le polemiche

La decisione ha scatenato le polemiche. E non poche. Per molti si tratta di una decisione incoerente. I ragazzi infatti non sono tenuti a presentare il Green Pass per entrare a scuola, quindi obbligarli ad averlo per prendere autobus e metropolitane sembra una forzatura inutile. Non solo. La decisione costringe le famiglie a far fronte a costi rilevanti. Secondo le stime, per far fronte al costo dei tamponi, i non vaccinati spenderebbero circa novanta euro al mese.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 03-12-2021


Auto, Tavares e i dubbi sull’elettrificazione: costi insostenibili

Dispositivi per alterazione delle emissioni, l’U chiede all’Italia di sanzionare Fca