Nella versione finale del Dpcm sui controlli del Green Pass obbligatorio a lavoro salta il limite delle 48 ore per la verifica della certificazione verde.

Salta il limite delle 48 ore per quanto riguarda il Green Pass obbligatorio a lavoro. Nella prima versione del Dpcm con le linee guida sui controlli, era specificato che il datore di lavoro poteva richiedere la certificazione in anticipo ma non oltre le 48 ore di anticipo. Nella versione finale del testo del provvedimento salta il riferimento alle 48 ore.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Il limite delle 48 ore

Nella prima versione del Dpcm sui controlli era specificato che, per motivi organizzativi, come ad esempio la pianificazione dei turni, il datore di lavoro poteva richiedere il Green Pass con un limite temporale di 48 ore di anticipo rispetto all’orario di entrata in servizio del dipendente.

La verifica anticipata della validità del Green Pass consente di intercettare i lavoratori sprovvisti della certificazione verde e quindi di organizzare la giornata lavorativa e i turni. Il limite delle 48 ore rappresentava invece una tutela per i lavoratori non vaccinati, che ottengono il Green Pass dopo il tampone.

GREEN PASS
GREEN PASS

Green Pass obbligatorio a lavoro

Come comunicato dall’Ansa, nella versione definitiva del testo del decreto salta il limite delle 48 ore. Questo significa che i datori di lavoro potranno richiedere la certificazione verde in anticipo e senza un limite di tempo. Questo significa che il datore di lavoro può richiedere la verifica del Green Pass anche quattro o cinque giorni prima l’entrata in servizio del dipendente.

Le polemiche

La modifica al testo ovviamente ha scatenato le polemiche. La cancellazione del limite temporale delle 48 ore potrebbe complicare ulteriormente la vita ai dipendenti non vaccinati che quindi potrebbero dover fare un tampone aggiuntivo per ottenere il Green Pass senza il quale non possono recarsi a lavoro.

coronavirus

ultimo aggiornamento: 14-10-2021


Alitalia chiude, l’ultimo volo è il Cagliari-Roma del 14 ottobre

EA verso la rottura con la FIFA, il videogioco potrebbe cambiare nome. Ecco come potrebbe chiamarsi