L’Italia valuta una stretta sul Green Pass. Ma il modello francese non convince tutti. Matteo Salvini: “Non scherziamo…”.

Il governo ragiona sul Green Pass e si valuta anche in Italia una stretta che ricalchi il modello francese. L’idea quella di dare un giro di vite alle regole sulla certificazione verde, che potrebbe diventare obbligatoria per andare a ristorante, al cinema, a teatro e per spostarsi con treni, aerei e pullman.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Coronavirus
Coronavirus

Certificazione verde, il modello francese non convince tutti

L’iniziativa francese annunciata dal presidente Macron ha acceso il dibattito anche in Italia e la maggioranza di governo si divide tra favorevoli e contrari. C’è chi vuole applicare il modello francese e chi lo reputa troppo restrittivo.

Il Commissario all’emergenza Figliuolo si è concentrato sulla campagna di vaccinazione e ha fatto sapere che rendere il Green Pass obbligatorio per prendere parte a grandi eventi potrebbe convincere gli indecisi a vaccinarsi. In effetti in Francia dopo il discorso di Macron un milione di persone ha prenotato il vaccino.

Anche Toti si è detto a favore del modello francese, mentre Matteo Salvini ha bocciato senza appello la proposta: “Vaccino, tampone o Green Pass per entrare in bar e ristoranti? Non scherziamo“, ha dichiarato il leader della Lega chiarendo la sua posizione. Attilio Fontana si è allineato a Salvini chiarendo la sua posizione: “Io non ho detto che si debba incentivare il green pass. Ho detto che, laddove è stato previsto, siamo nelle condizioni di poterlo applicare, perché la nostra campagna vaccinale sta andando molto bene“.

Dal Pd arrivano pareri favorevoli al modello Macron e si valuta la vaccinazione obbligatoria per le categorie a rischio o il Green Pass obbligatorio per la partecipazione ad eventi pubblici.

Il Movimento 5 Stelle al momento si tiene ai margini del dibattito facendo sapere che al momento la discussione è prematura.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Possibile stretta sul Green Pass: come potrebbero cambiare le regole

Nel caso in cui si procedesse con una stretta sul Green Pass, il certificato potrebbe innanzi tutto essere rilasciato dopo la seconda dose del vaccino e non dopo la prima, come avviene in questo momento. Poi, seguendo il modello francese, si potrebbe rendere obbligatorio il Green Pass per prendere parte ad eventi pubblici e per andare nei cinema, nei ristoranti e nei teatri. Inoltre il Green Pass potrebbe essere obbligatorio anche per viaggiare in treno, in aereo e in pullman.

I dubbi

I dubbi riguardano soprattutto i non vaccinati. La vaccinazione non è obbligatoria, quindi non si può penalizzare o discriminare chi decide di non vaccinarsi. E il modello francese sicuramente complica la vita ai non vaccinati anche perché i test presto non saranno più gratuiti ma a pagamento.

TAG:
coronavirus primo piano vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 14-07-2021


Festa Italia, il prefetto di Roma: “Bus scoperto non autorizzato”. La ‘trattativa’ di Bonucci e Chiellini

Oms, probabile legame tra vaccini mRna e miocarditi rare