Nato il 16 novembre 1955 in Argentina, Hector Cuper ha avuto una discreta carriera da difensore prima di sedere in panchina. Maiorca, Valencia e Inter le tappe principali.

Hector Cuper compie 65 anni. Il tecnico argentino è nato il 16 novembre 1955 a Chabas, vicino a Santa Fe’.

La carriera da calciatore

Ha cominciato la sua carriera in patria come eccellente difensore centrale (le cronache del periodo lo riportano come un atleta tecnicamente molto dotato), trascorrendo gran parte della sua carriera nelle fila del Velez Sarsfield ma soprattutto del Ferrocarril Oeste (1978-1989), formazione guidata dal leggendario Carlos Timoteo Griguol. Con la formazione biancoverde ha conquistato due titoli nazionali.

Allenatore, inizi in Argentina

Appesi gli scarpini al chiodo, Hector Cuper iniziò la carriera di tecnico all’Huracan, con cui sfiorò il titolo nazionale. Passato al Lanus, qui ottenne il primo titolo, la Coppa Conmebol.

Sbarco in Spagna: Maiorca e Valencia

Nel 1997 sbarca nella Liga al Maiorca. Alla guida degli isolani conquista una Supercoppa spagnola, un 3° posto in campionato ma perde una finale di Coppa delle Coppe e di Coppa del Re.
Due anni più tardi passa al Valencia, dove sfiora la Champions League nel 2000 e 2001, venendo sconfitto in finale da Real Madrid e Bayern Monaco.

L’Inter e il 5 maggio 2002

Il buon lavoro fatto in Spagna consigliò Moratti di affidargli le sorti dell’Inter. Pur non accreditata dei favori del pronostico, la squadra nerazzurra condusse il campionato per gran parte delle giornate ma il 5 maggio 2002, nell’ultimo turno, perse lo scudetto a favore della Juventus andando ko all’Olimpico contro la Lazio. Fu esonerato nell’autunno del 2003.

https://www.youtube.com/watch?v=XeOM3rDHv6E&ab_channel=IB3TELEVISI%C3%93

fonte foto copertina: https://www.soccer.ru/galery/

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
16 novembre 1955 Hector Cuper Inter Maiorca Valencia

ultimo aggiornamento: 16-11-2020


Italia U21 agli Europei: battuto il Lussemburgo e pass conquistato

Nations League, l’Italia batte la Polonia. Al ‘Mapei Stadium’ decidono Jorginho e Berardi