La Hyundai interrompe la produzione in Corea del Sud. La decisione è stata presa per carenza dei componenti legata al Coronavirus.

SEUL (COREA DEL SUD) – La Hyundai interrompe la produzione in Corea del Sud. La decisione è stata presa dall’azienda per l’assenza di componenti legata al nuovo Coronavirus che sta colpendo la Cina. La casa automobilistica nelle prossime ore annunciare delle misure molto più ampie che saranno comunicate a breve.

In futuro anche altre società potrebbero decidere di interrompere la propria produzione per carenza di componenti per dare vita alle vetture. Un virus che rischia di procurare danni non solo all’economia ma anche al mondo delle vetture.

La Hyundai interrompe la produzione delle auto in Corea del Sud

Dopo i trasporti, è toccato alle macchine interrompere la produzione. La Hyundai per carenza di materiale ha deciso di non dare vita più alle macchine in Corea del Sud. La chiusura dei confini per il Coronavirus ha portato al Paese a non avere le risorse per assemblare le vetture da portare sul mercato.

Nelle prossime ore la casa automobilistica potrebbe annunciare altre decisioni importanti. Nessuna rivelazione visto che al momento si sta ragionando se interrompere la produzione anche in altri Paesi.

Hyundai
fonte foto https://www.facebook.com/Hyundai/

Il mercato delle auto in crisi

Lo stop alla produzione della Hyundai potrebbe portare ad un nuovo crollo del mercato delle auto. Gennaio è stato un mese negativo per le immatricolazioni e il rischio di un ulteriore chiusura in negativo a febbraio è molto alto.

Difficile, al momento, ipotizzare anche lo stop della produzione da parte di altre case automobilistiche. Le decisioni saranno prese nelle prossime ore ma in Italia non sembrano esserci particolari problemi visto che, al momento, i voli sono stati chiusi solo alle persone. Visto che il contagio non è previsto con gli oggetti ma solo tramite contatto con individui con sintomi.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/Hyundai/


MIT UCO: cos’è l’Ufficio Centrale Operativo del Ministero dei Trasporti

Smart EQ, il presente è elettrico