Smart EQ, al via la grande scommessa green del marchio automobilistico simbolo della guida urbana. I pregi e i difetti.

Nata come un sogno, poi come una promessa, trasformatasi in un obiettivo e quindi in realtà, l’idea di macchine a zero emissioni stra travolgendo e rivoluzionando il mondo delle automobili. Per conferme chiedere alla Smart, che a Valencia ha presentato l’Eq, ossia la sua linea di automobili elettriche. Sostanzialmente il 2020 sarà l’anno dell’addio al motore endotermico. Più o meno.

Rivoluzione elettrica, arriva la Smart EQ

La Smart Eq ha fatto il suo esordio sul mercato e rappresenta la grande scommessa del marchio, intenzionato a trasformare il 2020 nel suo anno della rivoluzione elettrica. Dal punto di vista del motore non ci sono differenze con la Smart elettrica. Parliamo di prestazioni interessanti per una macchina da uso quotidiano. Le auto della casa montano un propulsore a zero emissioni da 17,6 kWh con una velocità massima stimata intorno al 130 chilometri orari e un’accelerazione da zero a cento in undici secondi e mezzo circa. Non siamo di fronte a un dominatrice della strada ma siamo di fronte a una macchina decisamente funzionale, pratica, comoda e affidabile.

La linea estetica e gli interni

La grande differenza riguarda gli esterni e gli interi. La linea cambia in maniera sensibile assecondando i fari full Led. A prescindere da questo elemento rischiesta, la Smart cambia piglio e assume forme decisamente più morbide.

All’interno si apprezzano gli sforzi per quanto riguarda lo sposalizio con la tecnologia. Lo Smart EQ Control permette di essere sempre e facilmente informati sullo stato della batteria. Inoltre il telefono si integra alla perfezione con il sistema dell’automobile. Pregevole il sistema online con le informazioni sulle postazioni per la ricarica della macchina.

Smart EQ
Fonte foto: https://media.mercedes-benz.it/

Smart Eq, l’autonomia

La Smart non è riuscita a superare quello che per molti è il grande limite della flotta elettrica, ossia l’autonomia. Parliamo di 140/160 chilometri dichiarati. In città sarebbe quasi superfluo chiedere di più se non per una maggiore tranquillità del conducente. I lunghi viaggi diventano complicati. La ricarica rapida al 10 all’80% si completa in quaranta minuti circa. Siamo più o meno in linea con le dirette concorrenti. Altro aspetto positivo è che le tante frenate che caratterizzano la guida urbana si trasformano in energia per la batteria. Di seguito tutte le informazioni sull’Eq.

Il prezzo

Il prezzo della macchina, secondo alcuni, resta ancora tendenzialmente alto: si parte da 25.000 euro della fortwo, 25.649 per la versione a quattro posti forfour, per arrivare a 28.394 con la smart EQ fortwo cabrio.


La Hyundai interrompe la produzione in Corea del Sud per carenza di componenti

F1, Marko (Red Bull) punta il dito contro la Ferrari: “In caso di irregolarità protesteremo”