I cinque gol più belli di Manuel Rui Costa con la maglia del Milan

Manuel Rui Costa è stato uno dei campioni più amati dai tifosi rossoneri. Con il Milan ha vinto praticamente tutto, in Italia e in Europa.

chiudi

Caricamento Player...

Nelle stagioni trascorse in rossonero, Manuel Rui Costa si è contraddistinto più per la quantità e la qualità degli assist che per il numero di gol realizzati (appena undici in cinque anni, tra campionato e coppe). Tuttavia, il fuoriclasse portoghese ha deliziato la platea milanista con alcune prodezze di eccezionale bellezza. Ecco la nostra personale Top Five.

I cinque gol più belli di Manuel Rui Costa con il Milan

Coppa Uefa 2001-2002, andata del secondo turno: il Milan ospita a San Siro il CSKA Sofia. Ad aprire le danze è Manuel Rui costa, che al 20esimo riceve palla dai venticinque metri, controlla e incenerisce il portiere Lukic con una conclusione tanto potente quanto precisa.

25 gennaio 2004, i rossoneri di Carlo Ancelotti strapazzano 5-0 l’Ancona. Il raddoppio è di Manuel Rui Costa, che realizza il suo primo gol in campionato con la maglia del Milan. Minuto 71: Andriy Shevchenko entra in area dalla sinistra e tocca per il portoghese, che calcia di prima intenzione beffando Marcon sul primo palo.

Settembre 2001, ritorno del primo turno di Coppa Uefa: il Milan cala il poker al Meazza contro il modesto Bate Borisov. Al 20esimo del primo tempo, Manuel Rui Costa dà il via alla goleada. L’azione è da manuale: lancio in area di Pirlo, sponda di Javi Moreno ed esterno-destro al volo del dieci milanista, che non lascia scampo a Fedorovich.

Serie A 2003-2004: il Milan batte 2-1 il Perugia a San Siro. Il primo gol rossonero è di Manuel Rui Costa. Punizione dai venti metri: doppio tocco Pirlo-Sheva e bolide del fuoriclasse portoghese, con il pallone che sbatte sulla traversa e si insacca.

9 aprile 2005, 30esima giornata di campionato: i rossoneri di Ancelotti non vanno oltre l’1-1 casalingo contro il Brescia. La rete di Manuel Rui Costa è un autentico capolavoro: l’ex Fiorentina porta palla sulla corsia mancina, si accentra, disorientando un avversario, e lascia partire un tiro a giro dal vertice dell’area che si infila all’incrocio.