I cinque gol più belli di Ronaldo con la maglia del Milan

Velocità, potenza, precisione. In una parola: Fenomeno. Il brasiliano Ronaldo ha fatto la storia del calcio. ecco alcune sue prodezze in rossonero.

chiudi

Caricamento Player...

Pochi, ma buoni. Soprattutto utili. Ronaldo ha giocato complessivamente venti partite con la maglia del Milan, segnando nove reti (tutte in campionato). Gol spesso pesanti, belli e spettacolari. Ecco la nostra personale Top Five delle prodezze in rossonero del Fenomeno.

I cinque gol più belli di Ronaldo con il Milan

17 febbraio 2007, stadio Artemio Franchi di Siena. Tra i padroni di casa e il Milan finisce 3-4. Ad aprire il festival del gol (al minuto 16 del match) è Ronaldo, che mette a segno la sua prima rete in maglia rossonera. Pennellata dalla destra di Andrea Pirlo, colpo di testa del Fenomeno e pallone alle spalle di Manninger.

San Siro, 33esima giornata di campionato: il Milan di Carlo Ancelotti ospita il Cagliari. Ronaldo, dopo aver sbloccato la partita al quarto di gioco, concede il bis al 69esimo: cross di Cafu, uscita a vuoto di Chimenti e tocco geniale del fuoriclasse brasiliano, che insacca con il petto.

Marzo 2007, l’Inter si prende il derby (2-1 per i nerazzurri il risultato finale), Ronaldo la sua personale rivincita. Al tramonto del primo tempo, il Fenomeno entra in possesso sulla trequarti, punta Maxwell, si apparecchia il pallone sul mancino e inchioda Julio Cesar con un rasoterra dal limite che si spegne all’angolino. Il pubblico interista è ammutolito.

Messina, stagione 2006-2007. Il Milan domina al San Filippo, portando a casa una facile vittoria (3-1). Il secondo gol rossonero porta la firma di Ronaldo. Il campione brasiliano riceve palla spalle alla porta, si gira e dai trenta metri lascia partire un bolide che si insacca all’incrocio. Paoletti non può far altro che guardare.

7 aprile 2007, Ronaldo mette a segno un gol dei suoi. Il Fenomeno apre le marcature contro l’Empoli con una rete da urlo. Il novantanove milanista entra in area, ubriaca il suo diretto avversario con una serie di finte e scaraventa il pallone sotto la traversa con un sinistro potente e preciso.