Nel panorama odierno il mondo della tecnologia ed in primis quello degli smartphone è sempre, costantemente, in evoluzione.

Stare dietro alle nuove uscite e capire qual’è il miglior modello del mercato è difficile e spesso il trono viene spodestato in poche settimane da un nuovo arrivato.

App payback
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/iphone-smartphone-apps-apple-inc-410324/

Classifiche ufficiali

Tra gli esperti del settore, il sito web InfoDrones.It inserisce tra i  Migliori Smartphone 2021 gli smartphone pieghevoli presentati da Huawei e Samsung e alcuni grandi classici come iPhone o Xiaomi.

Una scelta corretta ma che risenta degli stessi “problemi” dell’introduzione…quanto tempo potranno stare al top?
Se pensiamo al numero di modelli presentati da Xiaomi, per esempio, siamo di fronte ad un evoluzione del marketing e della produzione impressionante.


Se dapprima una casa presentava un super modello ogni 2 anni, oggi deve mostrare al pubblico di poterne fare almeno due, in diverse versioni e leggendo quelli che sono i trends del mercato per offrire il meglio al prezzo più giusto. Ne consegue che la qualità e le evoluzioni siano sempre poche e incisive ed una vera evoluzione non si veda, se non a distanza di anni.

Alcune case hanno fatto del brand la loro effige per alzare i prezzi e tenere un margine di guadagno alto ( vedi Apple ), altre hanno deciso di puntare sui prezzi ( vedi Oppo ) ed altre sul mix rapporto qualità ( vedi Xiaomi ).

Le case cinesi ammazzeranno il mercato europeo?

In questo scenario evolutivo vi è una certezza dimostrata sui numeri, la cina e le sue aziende stanno prendendo il mercato e lo stanno, quasi, monopolizzando.

Se Trump e l’America hanno deciso di imporre dei limiti, forse anacronistici, è vero che i grandi colossi europei devono reagire, se vogliono mantenere spazio ed autorità sul mercato.

Nokia, Wiko e Alcatel stanno cercando di reggere l’urto dei grandi concorrenti oltreoceano e puntano chi più chi meno su una riduzione dei prezzi o su modelli unici e/o legati a particolari settori di nicchia.

Una mano potrebbe venire da Google che ad oggi non ha rinnovato la partship con Huawei e nei suoi dispositivi non potrà più avere il supporto del PlayStore e delle sue App ufficiali.

Difficile fare concorrenza ad uno mondo diverso e con regole meno restrittive rispetto a quello occidentale ma la sfida è proprio questa.

Ritornando alla nostra analisi iniziale ci viene da chiederci come si possa definire uno smartphone migliore di altri, in un mondo che si evolve con una velocità impressionante e che vede nella produzione sfrenata e non nella qualità il suo modello di sviluppo.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati


Che cos’è l’artrosi del cane e del gatto e come si cura?

6 gennaio, giorno dell’Epifania: il significato della festa cristiana