Preoccupa la diffusione del Covid in Italia, la richiesta dei sindaci al governo: “Mascherina obbligatoria all’aperto”.

I sindaci corrono ai ripari contro l’aumento dei contagi e chiedono al governo di adottare misure contro la circolazione del virus e contro gli assembramenti che caratterizzeranno il mese di dicembre, quando entrerà nel vivo lo shopping di Natale. Per evitare contraccolpi, i sindaci chiedono che venga reintrodotto l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

I sindaci al governo: “Inserire nell’ultimo provvedimento l’obbligo di mascherina all’aperto”

Ci aspettano giorni complicati in cui gli assembramenti saranno inevitabili e per questo avevamo suggerito al ministro Speranza di inserire nell’ultimo provvedimento l’obbligo di mascherina all’aperto. Certo, possiamo disporlo noi, con ordinanze per zone specifiche. Qualche sindaco, pochi per ora, lo stanno prevedendo. Ma un provvedimento generale e uniforme valido per tutto il Paese, verrebbe percepito come più forte e sarebbe molto più semplice da controllare. Insomma, sarebbe più efficace“, sono le parole del presidente dell’Anci, Antonio Decaro.

Coronavirus
Coronavirus

La strategia contro la diffusione del virus nel periodo delle vacanze di Natale

I sindaci chiedono quindi un passo in avanti anche rispetto al decreto Super Green Pass, che entrerà in vigore il prossimo 6 dicembre. Lo scopo dei sindaci è quindi quello di intervenire nel periodo natalizio per evitare che gli assembramenti legati allo shopping possa spingere verso l’alto la curva dei contagi. Va detto, come evidenziato da Decaro, che i sindaci possono muoversi autonomamente, quindi un provvedimento del governo non è strettamente necessario. Sicuramente un provvedimento a carattere nazionale avrebbe il vantaggio di stabilire regole chiare e univoche.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

coronavirus

ultimo aggiornamento: 29-11-2021


Empoli-Fiorentina, giornalista molestata in diretta tv. Identificato il tifoso, scatta il Daspo

Locatelli, “Vaccino ai bambini dal 23 dicembre. Non è possibile escludere la quarta dose di vaccino”