Ritirata delle truppe russe da Kherson, ma secondo il generale Angioni si tratterebbe di un piano studiato a tavolino.

Secondo il generale Franco Angioni, “la ritirata russa da Kherson potrebbe essere una trappola”. Sarebbe questo il parere del generale, già comandante delle truppe terrestri Nato nel Sud Europa. Secondo Angioni, il pericolo di una controffensiva da parte delle truppe di Putin è alto. 

Guerra Ucraina

In tutta questa situazione, le forze di difesa di Kiev sarebbero a conoscenza dei piani del nemico e starebbero già elaborando un piano strategico per evitare la trappola. Il comando operativo “Sud” ha riferito attraverso i canali social dei tentativi messi in atto dalle truppe di Mosca con lo scopo di attirare le forze armate in specifici insediamenti.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La ritirata da Kherson è una trappola?

Durante un’intervista al quotidiano “Il Messaggero”, il generale Franco Angioni ha parlato della possibilità che la ritirata delle truppe di Mosca da Kherson sia in realtà una trappola. Anche secondo Natalia Houmeniouk, portavoce del Comando meridionale ucraino, menzionata poi dal sito di notizie Obozrevatel, la ritirata delle truppe russe dal territorio ucraino sarebbe studiata a tavolino.  

Secondo il generale Angioni, “potrebbe verificarsi. Per questo l’importante è di avere più informazioni possibili per evitare catture.La preparazione e l’accumulo delle risorse sono segnali anticipatori. Ma se non è valido, l’intervento fallisce. Bisogna guardare non tanto ai politici ma ai militari, veri protagonisti della guerra.” 

E continua spiegando che “più che una controffensiva”, serve “una difensiva intelligente.” L’inverno – prosegue Angioni – “è sempre una sorpresa per tutti con la neve, la pioggia e le buriane. È un’incertezza. Credo che i padroni di casa, gli ucraini, siano avvantaggiati delle vicende belliche sul territorio. Faccio il tifo per loro, che hanno dovuto scontrarsi contro il “mostro” della Russia.” 

 Il coinvolgimento dell’Iran 

Poi, per quanto riguarda il coinvolgimento dell’Iran e il presunto invio di armi a Mosca, Angioni spiega che “l’Iran è una mosca rispetto all’aquila. La Russia non ne ha bisogno, sono vicende di basso livello.”  Volodymyr Zelensky ha accusato l’Iran di aver inviato armamenti a Mosca.

Teheran sostiene di averlo fatto prima che scoppiasse il conflitto. L’Iran avrebbe ammesso di aver inviato del materiale bellico a Mosca. Sostiene però di averlo fatto tempo prima che scoppiasse il conflitto tra Russia e Ucraina. In tutta questa situazione, il leader dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky ha dichiarato: “Ancora menzogne, solo ieri sono stati distrutti 11 droni Shahed”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 08-11-2022


Catania, dopo il primo sbarco ora un secondo a Reggio Calabria

Cop 27, arriva la denuncia: “Chi inquina di più, paghi”