Il governo e Autostrade trattano sulle concessioni. Lo Stato detta le sue condizioni ma si rischia una crisi interna alla maggioranza.

Il governo e Autostrade trattano sulle concessioni. Dalle parti di Palazzo Chigi l’intenzione è quella di chiudere la trattativa in tempi brevi nella speranza di arrivare ad un compromesso che possa accontentare tutti. Scenario oggettivamente difficile.

Il governo e Autostrade trattano sulle concessioni

Stando a quanto appreso e confermato anche da il Corriere della Sera, il governo avrebbe rivisto la propria strategia e la propria posizione (ri)prendendo in considerazione l’idea di rivedere gli accordi con Aspi quindi senza procedere con la revoca delle concessioni.

Atlantia
fonte foto https://www.facebook.com/autostradeperlitalia/

Le condizioni del governo

Ma le richieste dello Stato non lasciano spazio alle trattative. Il nodo principale riguarda il calcolo delle tariffe autostradali. Aspi dovrebbe accettare almeno di aderire al tariffario previsto e proposto dall’Autorità dei Trasporti.

Il dossier Autostrade rischia di aprire una cristi interna al governo

Se buona parte del governo è pronta a concludere un accordo – a determinate condizioni – il Movimento 5 Stelle resta in difesa della sua posizione originaria e continua a sventolare il vessillo della revoca delle concessioni. Resta da valutare l’impatto politico della trattativa tra il governo e Aspi.

Nel caso in cui la questione si dovesse concludere con un accordo il Movimento 5 Stelle potrebbe aprire una crisi di governo. La palla passa di fatto a Crimi. Il reggente dei Cinque Stelle si è esposto meno di Luigi Di Maio e qualora decidesse di allinearsi al governo potrebbe circoscrivere la crisi solo ai pentastellati. salvaguardando la tenuta dell’esecutivo.

ultimo aggiornamento: 31-01-2020


L’Italia dichiara lo stato di emergenza sanitaria

M5s, scoppia il caso rimborsi. Sei parlamentari espulsi