Mario Draghi concede a Vittorio Colao l’occasione del riscatto dopo il controverso rapporto con Giuseppe Conte.

Non ci sono dubbi sul fatto che quello di Vittorio Colao sia il vero e proprio nome a sorpresa nella squadra dei ministri del governo Draghi. Una scelta vista come una risposta alla condotta dell’ex premier Giuseppe Conte.

Il rapporto tra Vittorio Colao e Giuseppe Conte

La ruggine tra Giuseppe Conte e Vittorio Colao è ormai storia politica. Il super manager era stato chiamato dall’ex Presidente del Consiglio per guidare o coordinare la task force incaricata di produrre un piano per il rilancio dell’Italia dopo il dramma dell’emergenza coronavirus. Erano i tempi degli Stati Generali convocati proprio da Conte. Un grande e fastoso evento che di fatto non ha avuto un seguito.

Il piano di Colao è finito nel dimenticatoio, in un cassetto, nella migliore delle ipotesi, in un archivio online. È morto lì, dopo essere stato presentato all’allora Presidente del Consiglio. Vittorio Colao non avrebbe particolarmente apprezzato il comportamento del premier, accusato dai critici di aver strumentalizzato la figura e il profilo del super-manager. Pur escludendo questa visione forse maliziosa, il dato di fatto è che Giuseppe Conte ha archiviato il piano di Colao senza dargli forse la giusta dignità.

Vittorio Colao
Vittorio Colao

Il riscatto di Colao, ministro del Governo Draghi

Mario Draghi ha deciso di richiamare Vittorio Colao ma questa volta per affidargli un incarico di assoluto rilievo. Ministro della Transizione ecologica del nuovo governo che raccoglie l’eredità del Conte Bis. L’ex manager di Vodafone assume la guida di un Ministero che avrà un ruolo centrale nella partita del Recovery fund.

Di seguito il video della cerimonia del giuramento dei ministri del governo Draghi.


Borse 12 febbraio, Piazza Affari in positivo. Stabile lo spread. Amsterdam la regina degli scambi

Il report della Cgia di Mestre: “Dieci ministeri in ritardo con i pagamenti nel 2020”