Un incendio è divampato in un appartamento di Adrano, in provincia di Catania. Un uomo ha perso la vita.

ADRANO (CATANIA) – Un incendio è divampato nella notte tra il 16 e il 17 ottobre in un appartamento di Adrano, paesino in provincia di Catania. Secondo quanto riportato da La Sicilia, le fiamme sono iniziate al primo piano ed hanno raggiunto il secondo piano dell’abitazione dove un uomo e una donna dormivano.

Per il primo non c’è stato stato niente da fare, il personale sanitario ha potuto constatare solamente il decesso. La moglie, invece, è riuscita a salvarsi uscendo fuori dal bancone. E’ stata aperta un’indagine per accertare meglio quanto successo.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

L’incendio

La ricostruzione è ancora al vaglio degli inquirenti. Dalle prime informazioni, il rogo è nato al primo piano dell’abitazione per poi raggiungere il secondo dove dormiva la coppia. La donna è riuscita a portarsi in salvo andando sul balcone, mentre per il 51enne non c’è stato niente da fare. Il personale sanitario non ha potuto fare altro che constatare il decesso.

Dalle prime informazioni, l’allarme è stato lanciato da una vicina di casa allertata dalla figlia della coppia. Una vicenda che ha scosso l’intera cittadina siciliana visto che episodi simili non accadono tutti i giorni.

Vigili del Fuoco
Vigili del Fuoco

Le indagini

E’ stata aperta un’indagine per accertare meglio il motivo di questo rogo. I punti da chiarire sono ancora diversi e si aspettano i rilievi dei vigili del fuoco per capire cosa ha provocato l’incendio. Sconvolta la donna e nelle prossime ore potrebbe essere ascoltata ancora una volta dagli inquirenti per provare a ricostruire meglio quanto successo.

Una tragedia avvenuta nella notte tra il 16 e il 17 ottobre e che ha portato alla morte di un uomo. Il cordoglio da parte dell’intera cittadina siciliana è arrivato nei confronti della famiglia.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 17-10-2021


Arte in lutto, è morto il pittore Achille Perilli

I numeri dell’emergenza coronavirus, il punto della settimana