Incidente Plan de Corones, morto turista sloveno in seguito a uno scontro sulla pista da sci. Il secondo uomo è stato trasportato in ospedale per accertamenti. Ha riportato una commozione cerebrale.

Tragedia in montagna a Plan de Corones, dove, in seguito a un incidente in pista, è morto un turista sloveno di 47 anni. L’uomo si è scontrato con un tedesco. Quest’ultimo trasportato in ospedale per le ferite riportate.

Gli accertamenti medici hanno evidenziato una commozione cerebrale. Per il quarantasettenne sloveno invece non c’è stato nulla da fare.

L’incidente va ad aggravare il bilancio delle morti in montagna che in questo 2019, purtroppo, continua ad aggiornarsi con troppa frequenza.

Incidente a Plan de Corones, morto sciatore sloveno di 47 anni

Il tragico incidente è avvenuto in Val Pusteria, a Plan de Corones. Stando a una prima ricostruzione dei fatti, lo sciatore sloveno si è scontrato con uno sciatore tedesco. Per il primo non c’è stato nulla da fare. È morto poco dopo il violentissimo impatto a causa delle ferite riportate.

Il tedesco è stato soccorso dal personale medico e si trova all’ospedale di Brunico. Gli accertamenti hanno evidenziato una commozione cerebrale.

Elicottero Ambulanza
Fonte foto: https://www.facebook.com/auslparma/

Sul posto anche i carabinieri per effettuare i rilievi previsti dalla legge

Oltre ai soccorritori, sul posto sono intervenuti anche i carabinieri che, come previsto dalla legge in questi casi, hanno proceduto con i rilievi necessari per ricostruire la dinamica esatta dello scontro tra i due uomini sulla pista da sci.

Gli accertamenti da parte delle autorità serviranno a chiarire se ci siano responsabilità individuali alla base della tragedia o se si sia trattato semplicemente di un fatale incidente.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cronaca evidenza incidente in montagna plan de corones Ultima Ora

ultimo aggiornamento: 19-12-2019


Omicidio Sacchi, il Riesame respinge i ricorsi di Anastasiya e Princi

Il nuovo affondo di Papa Francesco: “Bloccare le navi non serve. La nostra ignavia è peccato”