Grave incidente stradale in provincia di Cosenza. Una donna è morta mentre diverse persone sono rimaste ferite.

FUSCALDO (COSENZA) – Grave incidente stradale in provincia di Cosenza nel pomeriggio di giovedì 7 ottobre 2021. Dalle prime informazioni, un tamponamento a catena si sarebbe verificato nel comune di Fuscaldo e avrebbe coinvolto almeno quattro auto. Una donna di 65 anni è morta mentre diverse persone sono rimaste ferite in questo scontro.

Incidente stradale a Fuscaldo, la ricostruzione e il bilancio

La ricostruzione di questo incidente è ancora al vaglio degli inquirenti. Dalle prime informazioni, il grave tamponamento a catena è avvenuto all’interno di una galleria lungo la strada statale 18 Tirrenia Inferiore. La dinamica non è chiara e si stanno effettuando tutti i rilievi del caso.

Ad essere coinvolte sono state quattro auto e per una donna di 65 anni non c’è stato niente da fare. Il personale medico ha potuto constatare solamente il decesso. Diverse persone sono rimaste ferite, ma non si conoscono numeri e condizioni. Una nuova tragedia sulle strade italiane, con le cifre destinate ad aumentare nei prossimi giorni e a fine anno il bilancio rischia di essere sicuramente molto più alto rispetto a quello del 2020. Un bilancio che resta comunque condizionato dalla pandemia.

Ambulanza
Ambulanza

Il tratto di strada è stato temporaneamente chiuso

Il tratto di strada è stato temporaneamente chiuso. Le autorità locali hanno permesso agli inquirenti di effettuare tutti i rilievi del caso e rimuovere i veicoli incidentati in questo tamponamento a catena. La situazione dovrebbe tornare alla normalità nelle prossime ore e, in attesa di ripristinare la viabilità, il traffico è stato trasferito sulla strada locale.

Un incidente che ha portato alla morte di una donna di 65 anni e al ferimento di altre persone, ma le loro condizioni non sono state rese note da parte delle forze dell’ordine.

ultimo aggiornamento: 07-10-2021


Pescatore trova un enorme blocco di vomito di balena: vale un milione di euro

Pandora Papers, nella maxi-inchiesta sui tesori offshore spuntano i nomi di Mancini e Vialli