Incidente stradale a Torino dove un ladro d’auto si è schiantato contro un palo nel tentativo di fuggire dalla polizia.

TORINO – Incidente stradale a Torino nel primo pomeriggio di domenica 25 luglio. Un ladro d’auto nel tentativo di fuggire dalla polizia si è andato a schiantare contro il palo nello spartitraffico centrale. Per lui non c’è stato niente da fare, i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso.

Sono in corso, invece, le ricerche del complice. Il malvivente, secondo quanto riportato da La Repubblica, è riuscito a fuggire a piedi.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Ladro d’auto si schianta contro un palo per scappare dalla polizia

La ricostruzione di quanto successo è ancora al vaglio degli inquirenti. Secondo le prime informazioni, i due sono stati intercettati dagli agenti di polizia subito dopo il furto d’auto. Per seminare le forze dell’ordine, la coppia è scesa dalla vettura, ma uno dei due ha deciso di risalire e provare una fuga con la macchina.

Dopo la ripartenza in grande velocità, la sua corsa è finita contro un palo nello spartitraffico centrale. I medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. E’ stata aperta un’indagine per accertare meglio quanto successo e nelle prossime ore continueranno le ricerche del complice fuggito a piedi.

Polizia
Polizia

Grave incidente nel Lucchese, morto un ragazzo di 26 anni

Un incidente stradale è stato registrato nel Lucchese nelle prime ore di domenica 25 luglio. Una vettura con a bordo tre ragazzi, per motivi ancora da accertare, si è ribaltata all’altezza di un incrocio. Per un ragazzo di 26 ani non c’è stato niente da fare, mentre le condizioni degli altri due non preoccupano e presto saranno dimessi.

E’ stata aperta un’indagine per ricostruire meglio quanto successo e capire il motivo di questo incidente. La vettura ha finito la sua corsa contro un armadio per la fibra ottica.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 25-07-2021


Mafia, morto il boss Antonino Bonafede. Era ai domiciliari dal 2017

20enne disabile violentata a Taranto su un bus di linea, indagati otto autisti