Terminato l’incontro tra M5s e PD. I democratici ai grillini: “Chiudete definitivamente con la Lega e possiamo parlare”.

ROMA – E’ terminato senza particolari novità l’incontro tra M5s e PD alla Camera. E’ stato – come hanno confermato entrambi i partiti – un incontro costruttivo per cercare di formare una maggioranza solida. Da parte dei grillini si insiste sul taglio dei parlamentari mentre i democratici chiedono ai pentastellati di chiudere definitivamente il ‘forno’ con la Lega.

Nelle prossime ore possibili nuovi incontri tra i due partiti per provare a trovare l’accordo definitivo.

Di Maio ribadisce: “Il taglio dei parlamentari è il nostro obiettivo numero uno”

Nessuna dichiarazione, ancora, da Luigi Di Maio. Il leader del partito, intercettato dai giornalisti, ha ribadito: “Il nostro obiettivo è approvare i nostri 10 punti e su quei punti ci è stata data una disponibilità da parte del PD ma vedo che litigano“. Nessuna risposta alla domanda sulla chiusura definitiva con la Lega.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Il M5s si spacca. Di Battista alza la posta, gli uomini di Fico spingono per l’accordo con il PD

La trattativa tra M5s e PD è in corso ma in entrambi i partiti ci sono delle spaccatura. Nella mattinata odierna è ritornato a parlare Di Battista che ha parlato di “alzare la posta per raggiungere i risultati prefissati“. Il braccio destro di Di Maio ha confermato che tutti i partiti cercano il MoVimento e per questo bisogna aumentare il “prezzo politico“.

Una posizione condivisa da Di Maio ma non dagli uomini vicino a Fico. “Sta facendo una guerra spietata ai cittadini italiani che ci hanno votato – precisa Luigi Gallo per cambiare l’Italia, per investire in istruzione, rilanciare la green economy, l’innovazione e il lavoro per i giovani“. Gli fa eco anche Giuseppe Brescia che attacca Salvini: “E’ un traditore, bisogna dire che con lui è finita“.


Salvini: “O una maggioranza giallo-verde con una nuova squadra o si vota”

Di Maio al Viminale e Cottarelli all’Economia: il possibile governo Pd-M5S