Al Quirinale incontro tra Mattarella e Saied. Un vertice per ribadire i rapporti che ci sono tra Italia e Tunisia.

ROMA – Al Quirinale incontro tra il presidente Sergio Mattarella e il suo omologo tunisino Kais Saied. Trasferta italiana per il Capo dello Stato della Tunisia che, nella mattinata del 16 giugno, è stato protagonista di una colazione al Colle. Erano presenti anche i ministri Di Maio e Lamorgese.

Nel pomeriggio il presidente Saied è stato ricevuto anche a Palazzo Chigi dal premier Draghi. Una visita molto importante per ribadire i rapporti tra i due Paesi e affrontare un tema molto delicato come quello dei migranti.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Vertice tra Mattarella e Saied

Un vertice ha avuto molti argomenti sul tavolo. Come riportato dall’Ansa, entrambi i presidenti hanno ribadito la necessità di una vaccinazione a tappeto anche nei Paesi più poveri per uscire dalla pandemia e che questa emergenza ha insegnato come nessuno Stato può farcela da solo.

Un altro argomento è stato quello dell’immigrazione. I due presidenti hanno ribadito come bisogna creare delle condizioni di sviluppo in Africa per evitare che le persone debbano andare a cercare la fortuna in altri Paesi. Anche il dossier della Libia è stato sul tavolo. Secondo il Capo dello Stato tunisino la situazione dovrebbe stabilizzarsi solamente quando le truppe straniere lasceranno il territorio. E non si esclude che questa discussione possa essere affrontata a breve tra Mattarella e il premier Draghi.

Sergio Mattarella
Sergio Mattarella

L’incontro tra Saied e Draghi

Nel pomeriggio il presidente Saied ha avuto un breve colloquio con il premier Draghi. Anche in questo caso gli argomenti sono stati molto simili. I temi più delicati restano quelli di immigrazione e il dossier della Libia. E lo stesso presidente del Consiglio potrebbe decidere di portare i due fascicoli sul tavolo del prossimo Consiglio Europeo. Anche se su questo ancora non si hanno conferme.


Il ministro Speranza si è vaccinato. Ma non mancano le polemiche…

Stato di emergenza, ipotesi proroga fino a fine anno