Indagine della Procura di New York su Facebook: le ultime

La Procura di New York apre indagine su Facebook: il titolo crolla in Borsa

Indagine della Procura di New York su Facebook. Il fascicolo è stato aperto per verificare il rispetto della legge da parte del social network.

NEW YORK (STATI UNITI) – Indagine della Procura di New York su Facebook. Il fascicolo è stato aperto per verificare il rispetto della legge da parte del social network, accusato di aver messo in pericolo i dati dei consumatori, ridotto la qualità delle loro scelte e aumentato i prezzi della pubblicità.

Il procuratore Letitia James precisa che “tutti i social devono rispettare la legge”. Secondo quanto precisato dal Wall Street Journal l’inchiesta sarà affiancata da un’indagine su Google condotta dal procuratore del Texas e appoggiata da una decina di procuratori americani.

La Procura di New York indaga su Facebook

L’indagine, che è stata aperta dalla Procura di New York, vede la partecipazione anche degli stati del Colorado, Florida, Iowa, Nebraska, North Carolina, Ohio, Tennessee e il distretto della Columbia. Al centro del fascicolo la posizione dominante del social network nell’industria e la sua sospetta posizione antisportiva.

Anche il maggiore social al mondo – ha affermato la titolare dell’indagine – deve rispettare i consumatori. E sono orgogliosa di condurre questa indagine. Useremo tutti gli strumenti necessari per determinare se le azioni hanno messo in pericolo i dati dei consumatori“.

Mark Zuckerberg
Mark Zuckerberg

Crolla la Borsa

L’apertura dell’indagine non ha fatto bene alla Borsa. Il titolo di Facebook a Wall Street ha perso il 2,01% nella giornata odierna. Ma le azioni potrebbero subire un ulteriore calo nelle prossime settimane in caso di una sanzione economica per aver violato la legge.

L’azienda, comunque, ha garantito la massima collaborazione con i procuratori generali degli Stati americani. La società ha anche sottolineato come i clienti se non sono soddisfatti dei servizi scelti possono lasciare tranquillamente la piattaforma. L’indagine è appena partita e a breve ci potrebbero essere importanti novità.

ultimo aggiornamento: 07-09-2019

X