Le indagini sulla morte di Andrea Zamperoni non si fermano. Dalla possibile lite al ruolo della escort: diversi i punti da chiarire.

NEW YORK (STATI UNITI) – Le indagini sulla morte di Andrea Zamperoni non hanno fatto definitivamente luce sul caso. Lo chef italiano di Cipriani Dolci è stato trovato senza vita in un ostello del Queens, a pochi isolati dalla sua abitazione.

I misteri

La morte di Andrea Zamperoni è avvolta in un mistero. Non è ancora chiara la presenza dello chef in quell’ostello che è noto nel giro della droga e della prostituzione. E il corpo è stato segnalato agli inquirenti proprio da una donna seminuda. Da capire se tra i due ci sono stati dei contatti o dei rapporti prima della morte dello chef.

Per provare a fare luce sul caso la Procura di Lodi aveva aperto un’indagine indipendente. “Si tratta – spiegavano i magistrati lombardi – di un atto dovuto. Attendiamo poi di capire l’esatto motivo della morte“.

La vicenda è seguita con attenzione anche dalla Farnesina.

Andrea Zamperoni
Fonte foto: https://www.facebook.com/andrea.zamperoni.1

Arrestata una donna, chiede il patteggiamento. Potrebbe lasciare il carcere

Le autorità americane avevano arrestato la escort Angelina Barini. La 41enne è accusata di aver venduto la dose di droga mortale allo chef italiano Andrea Zamperoni. Le telecamere di sorveglianza inoltre l’hanno ripresa mentre si preparava per fare a pezzi il corpo dello chef italiano.

A un anno di distanza circa dal ritrovamento del corpo e quindi dall’inizio del caso, la donna si sarebbe detta intenzionata a patteggiare. La legge statunitense in effetti concede questa possibilità anche per i reati più gravi.

Stando a quanto riferito dai media, la richiesta di patteggiamento sarebbe stata presentata alle autorità competenti ma sarebbe ancora in sospeso per l’emergenza coronavirus.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Andrea Zamperoni Cipriani Dolci cronaca esteri New York

ultimo aggiornamento: 01-09-2020


1 settembre 1969, il colonnello Gheddafi prende il potere in Libia

Stati Uniti, Trump pronto a schierare la Guardia Nazionale: “Tolleranza zero contro anarchia e violenza”