Accade in India lo stupro di una 15enne. Dopo la scoperta della sua gravidanza, l’aggressore e la madre le danno fuoco.

In India un 18enne avrebbe stuprato una ragazzina di 15 anni. Dopo aver scoperto che la ragazza era incinta, la dà alle fiamme insieme alla madre. Le due famiglie, dopo aver saputo della gravidanza della ragazza, hanno cercato di combinare un matrimonio. Ma traendola in inganno, la 15enne si è recata nella casa dell’aggressore dove è stata data alle fiamme. Sono stati entrambi arrestati con l’accusa di tentato omicidio.

Polizia locale
Polizia locale

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La tragedia

L’ennesima storia di violenza contro le donne che arriva dall’India, precisamente da Mainpuri, vicino la capitale Nuova Delhi. L’aggressore di 18 anni (presunto cugino della vittima) aveva stuprato la 15enne circa tre mesi fa. Ma quando ha scoperto che quest’ultima era incinta, ha deciso di darla alle fiamme con l’aiuto di sua madre il 6 ottobre.

Dopo aver appreso della gravidanza della ragazza, le famiglie dei due hanno discusso sulla necessità di combinare un matrimonio. A quel punto, la 15enne è stata attirata a casa del ragazzo con il pretesto di sposarsi con lui quando sarebbe stata data alle fiamme.

Le indagini

Kamlesh Kumar Dixit, funzionario di polizia nello stato dell’Uttar Pradesh, ha raccontanto la storia, affermando che il ragazzo e sua madre sono stati arrestati per tentato omicidio. La 15enne è stata ricoverata in gravi condizioni in un ospedale nel Nord del Paese, dove hanno rilevato del cherosene sul suo corpo.

Yogita Bhayana, un’attivista anti-stupro di New Delhi, afferma: “Sono anni che cerchiamo di cambiare le cose. Questo ennesimo caso dimostra che il nostro sistema non funziona. Quella ragazza avrebbe dovuto essere aiutata”. Spesso accade in questa zona dell’India che, per paura del proprio aggressore, le violenze delle vittime non vengono denunciate.

Nel dicembre 2019 una donna è morta nell’Uttar Pradesh dopo essere stata data alle fiamme mentre viaggiava per testimoniare al processo contro due uomini accusati di averla violentata. L’anno successivo, una 19enne Paria, è morta dopo essere stata presumibilmente violentata e strangolata da uomini di casta superiore.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 13-10-2022


Arrestato Niccolò Donzelli, il fratello del deputato di FdI

Teramo, muore bimbo di 18 mesi in auto con i genitori