Viaggi, vestiti, benzina: gli italiani sono costretti a risparmiare a causa dell’inflazione. Su cosa si sta risparmiando di più?

I dati Istat per il 2021 parlano chiaro. Le famiglie italiane stanno salvando i propri risparmi, in vista dell’inflazione galoppante. I beni ridotti si rifanno a viaggi, benzina, scarpe, vestiti e molto altro.

Sì, perchè l’inflazione non perdona e i costi lievitano su molti fronti.

L’inflazione aumenta certo, ma i salari restano immobili, e questo ha portato la gran maggioranza degli italiani ad un risparmio contingentato, in primis sulle vacanze e sui viaggi di ogni sorta. Secondo le ultime statistiche, il 62,4% delle famiglie, ha ridotto notevoltmente questo tipo di spese, rispetto allo scorso 2020. In quest’ultimo periodo, infatti, la percentuale di famiglie si attestava su un 46,8%, in confronto al 2019.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

I danni dell’inflazione

Parliamo di nuclei famigliari provenienti dal Sud Italia, area in cui tali percentuali, sfiorano il 69,8%. Ma l’umento più importante, rispetto allo scorso 2020, riguarda più le famiglie del Nord Italia. Queste zone hanno visto una traslazione dal 44,1% al 61,2%, in relazione alle famiglie subordinate a risparmi forzati.

disavanzo commerciale soldi merce bilancia
disavanzo commerciale soldi merce bilancia

In seconda posizione, si attestano le calzature e i vestiti. Quì troviamo un buon 52,7% di nuclei famigliari, costretti a sgonfiare le compere in maniera piuttosto drastica. Passando alla questione benzina, il 31,2% degli italiani (in media uno su tre) è stato costretto a tirare la cinghia, per assicurarsi un arrivo più tranquillo alla fine mese. Nel dettaglio, la percentuale maggiore di famiglie obbligate a far ciò sul tema carburanti, pare attestarsi su un bacino più robusto nel Mezzogiorno (circa il 36%).

Parlando poi dell’alimentare, i consumi legati alla carne, hanno subito una drastica riduzione ( -1,5%), seguiti da quelli relativi a formaggi, uova e latte (-2,8%).

Nel corso del 2021, si sono invece registrate spese consistenti, lato visite e controlli medici. Il 4,4% delle famiglie, ha confermato tale aumento. Lungo il Centro-Italia, si attesta una percentuale pari al 5,3%. In ultimo, la spesa famigliare per le abitazioni, sarebbe lievitata al 6%.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 10-06-2022


Benzina, si ipotizza “prezzo massimo” fino a ottobre

Mutui Casa. Cosa cambia dopo la BCE