Caos Procure e Csm, nelle intercettazioni tra Palamara e Lotti anche i nomi di Armando Siri e Matteo Salvini. La vicenda si allarga nel mondo della politica.

Caso Procure, emergono nuovi dettagli dalle intercettazioni tra Palamara e Lotti, le due personalità di spicco nel caos che ha travolto il Csm e l’Anm. Stando a quanto emerso, nelle telefonate tra i due sarebbero emersi anche i nomi di Armando Siri, sottosegretario della Lega indagato, e di Matteo Salvini.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Matteo Salvini
Roma 05/07/2018 – il Ministro degli Interni incontra il vice presidente del Consiglio Presidenziale della Libia / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Matteo Salvini

Le intercettazioni tra Palamara e Lotti, ci sono anche i nomi di Siri e Salvini

Stando a quanto riportato da Libero, che ha riportato il virgolettato di una intercettazione tra Palamara e Lotti, con il primo che confida all’ex Pd che il mancato arresto di Armando Siri sarebbe da ricondurre a una potenziale o possibile trattativa con il leader della Lega Matteo Salvini.

“La vicenda Siri […] fidate! …perché in condizioni… Siri veniva arrestato in condizioni normali… De Vito è stato arrestato per molto meno! …è una trattativa che vogliono fare con Matteo Salvini, fidati… o non mi sbaglio”.

Non tutte le parti dell’audio in questione sono comprensibili e quello che emerge è solo il pensiero di fondo di Palamara che, almeno nella parte arrivata alla stampa, non entra nei dettagli e non fa nomi se non quelli di Siri e Salvini.

Armando Siri
Armando Siri

La reazione di Lotti alla ricostruzione

Lotti dal suo canto, sempre a quanto emerge dalla registrazione, non sembra convinto dalla lettura della situazione di Palamara e sembrerebbe avere un’idea meno complottistica e decisamente più legalitaria della vicenda.


Nicola Zingaretti spacca il Pd: c’è la nuova Segreteria, restano fuori tutti i renziani

La beffa della Germania: migranti sedati e portati in Italia (in aereo)