Il ministro Garavaglia al Festival dell’Economia di Trento: “Sono favorevole alla seconda dose vaccinale per turisti stranieri”.

ROMA – Il ministro Garavaglia ha affrontato diversi argomenti nel suo intervento al Festival dell’Economia di Trento. “Una cosa a cui tengo particolarmente – ha detto il titolare del Turismo riportato dall’Ansaè la questione dell’efficientamento 110% delle strutture alberghiere: abbiamo messo questo miliardo e 800 milioni nel Recovery Plan e indipendentemente dalle scelte di bilancio azionale lo facciamo, perché abbiamo la necessità di migliorare le strutture ricettive, non solo gli alberghi, anche B&B e agriturismo“.

Il ministro Garavaglia sul green pass

Il ministro Garavaglia ha parlato del green pass europeo. “E’ un continuo approfondimento – ha detto – si discute di affinamenti, ma penso che ormai ci siamo, è questione di settimane. Finalmente avremo regole comuni e semplicità, il problema per gli operatori e i turisti stessi è sapere come muoversi. Ne ho parlato con il ministro Speranza e gli ho detto di aprire le porte a tutti i vaccinati come in Francia e far durare di più il tampone“.

La misura – ha aggiunto – è molto semplice. Consente di circolare liberamente se sei vaccinato o guarito oppure se hai un tampone negativo. Le regole sono queste e l’Unione Europea ha stabilito l’1 luglio come limite massimo della sua entrata in vigore. Ma per me queste regole possono entrare in vigore da subito“.

Aereo
Aereo

Vaccini in vacanza

L’altro argomento affrontato dal ministro è stato quello dei vaccini in vacanza: “Sono favorevole alla somministrazione della seconda dose per i turisti che arrivano in Italia oppure per i nostri cittadini che si muovono per un periodo particolarmente lungo. Si tratta di eccezioni che possono essere fatte visto che le Regioni hanno tutte raggiunto un numero importante di somministrazioni. Ma questa non deve diventare una regola altrimenti sarebbe un caos“.


G7, accordo storico sulla tassazione alle multinazionali

Facebook nel mirino della Commissione Ue, aperta indagine