Domenicali lavora alla F1 del futuro: “Vogliamo una Formula 1 stabile, sostenibile e forte per un futuro luminoso”.

Intervenuto ai microfoni del sito ufficiale della Formula 1, Stefano Domenicali ha parlato delle sue idee e dei suoi progetti per il futuro.

Una Formula 1 più emozionante

L’obiettivo di Domenicali è quello di rendere la competizione decisamente più emozionante e imprevedibile. Gli ultimi anni sono stati caratterizzati dal dominio della Mercedes, che di fatto ha monopolizzato la competizione.

Il confronto con i piloti

Domenicali studia le alternative a disposizione per far crescere la Formula 1 e ha deciso di avviare il percorso confrontandosi con i piloti.

“Ho avuto un incontro costruttivo con i piloti su certi temi. Fondamentale condividere l’inizio di questo nuovo viaggio con loro, che sono importanti e vanno tenuti informati. Hanno una voce attiva sul futuro della F1. Parlo anche con i team principal, siamo un’organizzazione che ha bisogno di ricevere input da tutti gli stakeholder“, ha dichiarato Domenicali ai microfoni del sito ufficiale della Formula 1.

Formula 1
Formula 1

Domenicali, “Nel 2022 avremo macchine rivoluzionarie”

Parlando del futuro, Domenicali si è detto entusiasta in vista del 2022.

“Nel 2022 avremo macchine rivoluzionarie. Inoltre stiamo discutendo dei motori del 2025 e oltre. Abbiamo obiettivi chiari. Dobbiamo lavorare sulla stessa piattaforma ‘We Race As One’. Vogliamo una Formula 1 stabile, sostenibile e forte per un futuro luminoso“.

Nuovi marchi in Formula 1, Domenicali: “L’arrivo di Aston Martin è un segnale”

Nel corso della sua intervista Domenicali ha commentato anche le voci relative all’ingresso in Formula 1 di nuovi marchi.

L’arrivo di Aston Martin è un segnale che la Formula 1 è al centro dell’attenzione degli OEM. Fissare un budget cap consente ai team di essere stabili e le nuove monoposto daranno una buona visione del futuro. È fantastico avere un marchio iconico come Williams e una piattaforma per il futuro. Il mix tra team tradizionali, marchi tradizionali, nuovi marchi, nuovi OEM dà entusiasmo”.


Verstappen non si fida delle Mercedes: “Sono ancora loro le favorite”

Rossi: “L’obiettivo è correre altri due anni”