Paolo Gentiloni a La Repubblica: “L’intera classe dirigente italiana deve essere consapevole che tutti ci guardano. Abbiamo il debito più alto”.

ROMA – Paolo Gentiloni sulle pagine di La Repubblica ha parlato della situazione economica italiana ed europea. “Il Recovery Fund arriva al momento giusto – ha detto l’ex premier riportato dall’Huffington Postla ripresa è in atto. La fiducia è giustificata. L’Ue nei prossimi due anni avrà una crescita importante e che si aggirerà intorno al 4 o 5%. Si tratta di una cosa senza precedenti“.

E sull’Italia ha precisato: “Molto dipende da noi. Tutti ci stanno a guardare, abbiamo il debito più alto. L’intera classe dirigente ne deve essere consapevole. Con Draghi siamo fortunati, ma servirà unità”.

Gentiloni: “La leadership di Draghi è un bene per il Paese”

In questa intervista il commissario europeo ha esaltato anche l’attuale presidente del Consiglio. “La leadership di Draghi – le sue parole – è un bene per il Paese. Quello che succederà nei prossimi anni dipende dalla politica italiana e dagli elettori“.

E’ l’insieme della classe dirigente che deve essere consapevole di quanto sia ambiziosa l’operazione – ha aggiunto – anche in Parlamento. Dobbiamo scalare una vetta e non nuotare su un mare di soldi europei. Vale per noi e anche per gli altri. Per questo motivo ci vuole unità tra forze politiche, sociali ed enti locali“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Paolo Gentiloni
Paolo Gentiloni

Recovery Plan italiano approvato dalla Commissione Europea

Un Recovery Plan italiano che è stato approvato dalla Commissione Europa. Lo scorso 22 giugno la presidente Ursula von der Leyen è stata in Italia per consegnare al premier Draghi la pagella e per comunicare il via libera di Bruxelles al progetto messo in campo dal Governo.

Una fumata bianca che porterà nelle prossime settimane i primi fondi al nostro Paese, con l’obiettivo di rilanciare l’economia dopo più di un anno complicato anche per la pandemia.


Lego, in arrivo il mattoncino in plastica riciclata

Variante Delta, come potrebbero cambiare le regole per il Green Pass