Milan, l'intervista di Marco Fassone a il Sole 24 Ore

Milan, Marco Fassone rivela: Mister Li voleva Cristiano Ronaldo

Milan, a tutto Marco Fassone: dalla gestione del club a Yonghong Li passando per la trattativa per Cristiano Ronaldo.

Torna a parlare l’ex ad del Milan Marco Fassone, figura di spicco del club nella breve gestione di Yonghong Li. Il dirigente ha svelato ai microfoni de il Sole 24 Ore alcuni retroscena e ha difeso il proprio operato alla guida dei rossoneri.

Marco Fassone difende la sua gestione economica del club

Il primo punto sul quale ha voluto fare chiarezza Fassone è stato quello della gestione economica del club: “Sotto la mia gestione, rispetto al 2016-17, abbiamo fatto 20 milioni di ricavi in più e 50 milioni di margine in più. Il rosso di 126 milioni comprende 45 milioni di componenti straordinarie, spesate integralmente da Elliott, dovute per 22 milioni a svalutazioni di giocatori come Kalinic e Bacca. Per 17.5 milioni ad accantonamenti per me e altri 5 manager che sono usciti dal club”.

Fassone e Mirabelli
Fonte foto: https://www.facebook.com/milanlive.it/

Capitolo Uefa: il Tas ha indicato che la gestione era corretta

Marco Fassone ha poi provato a spiegare la difficile trattativa con l’Uefa: “Il Tas ha poi smentito le tesi Uefa. Ha definito le previsioni del business plan accurate e raggiungibili e indicato che la gestione è stata corretta“.

Marco Fassone: “Yonghong Li? Mi capita di sentire il suo braccio destro”

Immancabile una parentesi dedicata a Yonghong Li: “Ogni tanto mi capita di sentire il suo braccio destro David Li. Ignoro da dove siano arrivati i soldi dell’operazione. Se fossero suoi o in prestito. Però nell’operazione con Fininvest erano coinvolti gli advisor più prestigiosi. Da Lazard e Rothschild e lo studio Gianni Origoni Grippo Cappelli. Perché dovevo dubitare?“.

Yonghong Li Milan
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/ACMilan

Mercato Milan, la trattativa per Cristiano Ronaldo

Marco Fassone ha poi rivelato un retroscena di mercato che ha per protagonista Cristiano Ronaldo. “Mister Li voleva Ronaldo perché riteneva che avesse una grande forza sul mercato cinese. Il giocatore voleva andarsene da Madrid. ci siamo visti nel luglio 2017 con il suo procuratore Mendes, per verificare i costi e la disponibilità del giocatore. Poi convinsi Mr Li a lasciare perdere il sogno, in quanto Ronaldo costava troppo“.

ultimo aggiornamento: 20-11-2018

X