Matteo Salvini al ‘TG5’: “Se Speranza vede solo rosso parlando di chiusure deve andare via. Bisogna tornare alla vita”.

ROMA – Matteo Salvini al TG5 è ritornato ad attaccare il ministro Speranza. “Se fa il suo lavoro può restare al suo posto. Ma se fa politica e vede solo rosso parlando di chiusure, chiusure e chiusure no“, la posizione del leader della Lega, riportata dall’Adnkronos, che ha precisato: “E’ da oltre un anno che gli italiani portano pazienza. Adesso con il piano vaccini che va avanti con Figliuolo e senza Arcuri, si può tornata alla vita. Questo deve essere di tutti gli italiani togliendo in prospettiva il coprifuoco“.

E sull’esecutivo Draghi ha aggiunto: “Io porto pazienza e lo faccio per l’Italia. Il presidente Mattarella ci ha chiesto di lavorare insieme per uscire da questa emergenza. Questo comporta il fatto di avere pazienza, ma lo faccio per il mio Paese”.

Caso Open Arms

Il leader della Lega ha parlato anche del caso Open Arms: “Ho passato la mia prima domenica da imputato per sequestro di persona […]. Vado a processo, ma mi sembra una scelta politica. Quando la sinistra non vince alle elezioni, prova a vincere in tribunale. Io non ho paura anche perché non ho fatto nulla. Bisogna mettere la riforma della giustizia in alto anche per i 5 milioni di italiani che stanno aspettando giustizia. Attendere anni per una sentenza è indegno“.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Tensione nella maggioranza sul coprifuoco

Da parte di Salvini, quindi, una posizione diversa rispetto al resto della maggioranza sul coprifuoco. Il leader della Lega è in pressing da tempo per spostare il limite orario. Il premier Draghi, al momento, non sembra essere intenzionato a cedere il passo, ma la discussione potrebbe riaprirsi tra fine aprile e inizio maggio. Molto dipenderà dall’andamento dei contagi nelle prossime settimane per valutare un ulteriore allentamento delle misure.

TAG:
governo Draghi

ultimo aggiornamento: 18-04-2021


Speranza: “Il piano pandemico l’ha ritirato l’Oms”

Recovery, Draghi ‘chiude’ il Piano italiano: entro il 30 aprile sarà inviato a Bruxelles