Intervista Trump Lbc: "L'Italia starebbe meglio fuori dall'Ue"

Trump: “L’Italia starebbe meglio fuori dall’Ue”

Lunga intervista di Donald Trump ai microfoni Lbc: “L’Italia starebbe meglio fuori dall’Ue. A Bruxelles ci sono persone con le quali è difficile negoziare”.

LONDRA (INGHILTERRA) – Lunga intervista ai microfoni di Lbc, radio britannica, per Donald Trump. Argomento principale la Brexit con l’ex tycoon che ha parlato anche di Italia: “Roma starebbe meglio fuori dall’Ue – ha sottolineato l’ex tycoon – a Bruxelles ci sono persone con le quali è molto difficile negoziare, mentre con me sarebbe tutto più facile: faremmo un grande accordo commerciale“.

Ma il presidente americano è consapevole che questo suo appello rischia di non essere accolto: “Ma se questi Stati vogliono rimanere all’interno dell’Ue, va bene“.

Il nuovo attacco di Trump all’Ue

I rapporti tra Donald Trump e l’Unione Europea non sono mai stati idilliaci. In più di un’occasione il leader americano ha espresso la sua perplessità sulle politiche adottate da Bruxelles. E proprio questi dubbi nelle scorse settimane si sono tramutati in dazi. Aumento dell’imposte che continua a creare problemi all’intera economia mondiale. I numeri non sono positivi e le prospettive future preoccupano (e non poco) gli addetti ai lavori.

In questa intervista Trump ha chiesto a molti Paesi di lasciare l’Unione Europea per facilitare un grande accordo commerciale ma al momento l’unica che, forse, potrebbe accogliere questo appello è proprio la Gran Bretagna.

Donald Trump
Donald Trump

L’Italia non valuta l’uscita dall’Europa

Nessun Italexit per il momento. Gli appelli di Donald Trump sembrano essere caduti nel vuoto visto che da parte di Roma non c’è nessuna intenzione di lasciare Bruxelles. Una decisione che, comunque, rischia di essere temporanea. Il futuro del nostro Paese continua ad essere incerto e l’avanzata dei sovranisti potrebbe mettere in pericolo la permanenza del nostro Paese dell’UE. Il governo giallo-rosso ha ribadito la fedeltà all’Unione ma nei prossimi anni le carte potrebbero cambiare.

ultimo aggiornamento: 01-11-2019

X