Charles Leclerc nel 2022 potrebbe cambiare numero della sua monoposto. Ecco tutti i dettagli.

ROMA – Charles Leclerc nel 2022 potrebbe cambiare il numero della sua monoposto. Al suo arrivo in Formula 1, il monegasco è stato costretto a scegliere il 16 perché il 7 era preso da Raikkonen e il 10 da Gasly. Ora il ritiro del finlandese apre la possibilità al pilota della Ferrari di scegliere uno dei numeri preferiti dal classe 1997.

I dubbi saranno sciolti nelle prossime settimane, ma, secondo quanto riferito dal Corriere dello Sport, il monegasco starebbe davvero ragionando sulla possibilità di salutare definitivamente il 16 e prendere il 7.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il 7 per la Ferrari

Il 7 per la Ferrari è un numero sicuramente speciale. Per la prima volta è stato utilizzato nel 1953 sulla monoposto di Luigi Villoresi, ma sono stati diversi i piloti che lo hanno scelto per correre con la Rossa e tra loro ci sono anche Felipe Massa e proprio Kimi Raikkonen, ultimo a vincere il titolo con la Rossa.

Inoltre, sono sette i titoli vinti da Schumacher. Insomma, si tratta di un numero che porta bene alla Ferrari e la scelta di Leclerc potrebbe anche essere un po’ scaramantica. Ma i dubbi, come detto, saranno sciolti solamente nelle prossime settimane.

Ferrari
Ferrari

Sainz conferma il 55

Non ci sono, al momento, cambi in vista per Carlos Sainz. Il pilota spagnolo continuerà a correre con il numero 55 anche la prossima stagione. La speranza è quella di proseguire sulla strada intrapresa in questo 2021 e provare a conquistare la prima vittoria con la Rossa.

Le sensazioni, almeno dalle indiscrezioni che arrivano dalla Spagna, sono positive. Ora serve la conferma della pista e già i test invernali in programma a febbraio potrebbero dare delle risposte importanti ai tifosi della scuderia di Maranello.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 31-12-2021


Dakar 2022, incendiata una macchina: un ferito. Indagini in corso

Rossi: “Dal 2001 al 2005 ero il più forte. Ci sono stati anni difficili”