Le ipotesi in vista del nuovo decreto: quali sarebbero i divieti per i no vax con il Super Green Pass (o Green pass 2G).

Prende forma il nuovo decreto anti-Covid e prende forma il Super Green Pass (o Green Pass 2G), ossia il rilascio della certificazione verde solo a soggetti vaccinati o guariti dal Covid. E questo comporta inevitabilmente restrizioni per i non vaccinati. Andiamo a vedere allora quelli che sarebbero i divieti per i no vax.

Super Green Pass, tutte le regole per viaggiare a Natale

Super Green Pass, i divieti per i no vax: le ipotesi in vista del nuovo decreto

L’idea del Super Green Pass nasce per non penalizzare con le chiusure e le restrizioni le persone che si sono vaccinate contro il Covid. Questo inevitabilmente porta ad una serie di restrizioni per i non vaccinati per scelta, ossia i no vax.

Se fossero confermate le ipotesi, i non vaccinati non potranno andare:

allo stadio
a sciare
a cena fuori al chiuso (accesso vietato sia al bar che al ristorante)
in palestra e in piscina
al cinema e nei musei
in discoteca.

Sostanzialmente i non vaccinati con il tampone potranno solo andare a lavoro e accedere ai servizi essenziali.

Green Pass
Green Pass

In che zona scattano le restrizioni

Questo è uno dei temi che sarà sciolto solo nelle ultime ore di confronto prima della stesura e dell’approvazione del nuovo decreto.

I rigoristi chiedono che le restrizioni scattino dalla zona Bianca, gli aperturisti chiedono che scattino dalla zona Arancione. Potrebbe passare una via di mezzo, ossia restrizioni per non vaccinati solo a partire dalla zona Gialla. Se l’intento è quello di preservare i vaccinati dalle chiusure, applicare restrizioni dalla zona Bianca sarebbe poco coerente, almeno apparentemente. A meno che il governo non intenda mettere in atto una strategia preventiva, quindi le restrizioni dalla zona Bianca servirebbero ad evitare un aumento dei contagi e dei ricoveri e quindi ad impedire il passaggio in zona Gialla.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

coronavirus vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 23-11-2021


In Giappone la variante Delta del Covid è sparita: potrebbe essersi auto-estinta

Suicidio assistito, la Regione sul caso di Mario: dubbi sul farmaco, decide il Tribunale. Il Vaticano: “Cure palliative sembrano la scelta giusta”