La Red Bull starebbe pensando a Leclerc per il 2022. Il monegasco obiettivo numero uno per il dopo Perez.

ROMA – Charles Leclerc in Red Bull nel 2022? Sarebbe questa l’ultima ‘pazza’ idea da parte del team anglo-austriaco. Il rinnovo del contratto di Sergio Perez, nonostante le buone prestazioni, non è ancora arrivato e questo sembra rafforzare l’ipotesi di un tentativo per un ‘big’ da affiancare a Verstappen.

Secondo le ultime indiscrezioni di Motorsport, il monegasco non sarebbe pienamente convinto della Ferrari 2022 e per questo motivo non è da escludere un suo addio prima della scadenza del contratto fissata nel 2024. Da capire sulla possibile convivenza con Verstappen per non rischiare di dare vita ad un nuovo duello interno.

Russell l’alternativa a Leclerc

Il nome di Leclerc non è l’unico in caso di un mancato rinnovo di Perez. L’altro profilo attenzionato dalla Red Bull è quello di George Russell. Il britannico potrebbe essere il nome giusto anche in futuro (con l’addio di Verstappen sempre più probabile nel 2024) per continuare a competere per il titolo.

In questo caso sono fondamentali le mosse Mercedes. La scuderia campione del mondo ha tutta l’intenzione di portare Russell al posto di Bottas, ma Hamilton frena su questa possibilità. In caso di una conferma del finlandese, il britannico potrebbe decidere di ‘rompere’ definitivamente con la Mercedes e affidarsi alla Red Bull.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Formula 1
Formula 1

La Ferrari spera di confermare Leclerc

L’addio di Leclerc potrebbe complicare in parte i piani della Ferrari. La Rossa non ha nessuna intenzione di lasciarsi sfuggire il monegasco, ma serve mettere in pista una macchina competitiva nel 2022 per non rischiare una separazione in anticipo sia con lui che con Sainz.

A Maranello sono al lavoro per dare ai piloti una monoposto competitiva già la prossima stagione. Solo in questo modo si potrà continuare con l’attuale parco piloti e non doversi affidare ai giovani in rampa di lancio.


Partenze in salita: come effettuarle correttamente con auto e moto

Come funziona la Sprint Race: i chiarimenti della Formula 1