Le prime ipotesi sul dpcm del 16 gennaio. Possibile lo stop all’asporto dai bar dopo le 18.

ROMA – Le misure nel dpcm del 16 gennaio potrebbero prevedere una nuova stretta per i bar. Come scritto dal Corriere della Sera, l’esecutivo starebbe valutando la possibilità di vietare l’asporto dalle 18 per questi esercizi per mettere fine agli assembramenti in strada. Non sembrano esserci altre restrizioni per i ristoranti.

Dpcm 16 gennaio, le ipotesi

Di seguito tutte le ipotesi del dpcm del 16 gennaio. Il Governo ha iniziato il confronto e nelle prossime ore ci potrebbero essere novità.

Stato di emergenza

Nessuna decisione ancora sullo stato emergenza. Possibile una richiesta di proroga fino al 30 aprile per valutare i risultati della campagna vaccinale. Non si esclude, però, la possibilità di allungarla fino a marzo.

Confini regionali

In corso il confronto anche sugli spostamenti. I rigoristi vorrebbero confermare il divieto anche tra regioni gialle, ma una decisione sarà presa solo dopo il confronto con i governatori.

Palestre e piscine

Anche in questo caso nessuna decisione è stata presa. Si aspetta il vertice tra Cts e il ministro Spadafora per capire se riaprire i centri sportivi nelle zone gialle.

Musei, cinema e teatri

Cinema e teatri destinati a restare chiusi. Qualche possibilità in più per i musei.

Coprifuoco

Anche in questo caso non ci dovrebbero novità con la conferma alle 22. Le Regioni proveranno a spostarlo alle 23 o 24 nelle zone gialle, ma da parte del Governo nessun passo indietro.

Coronavirus
Coronavirus

Sci

Possibile braccio di ferro sugli impianti sciistici. Il Governo ha intenzione di confermare l’apertura il 18 ma valuta la possibilità di vietare la ripartenza per chi non ha aperto le scuole.

Zona bianca

Nel dpcm dovrebbe arrivare anche la zona bianca. Il Governo sembra essere intenzionato ad inserire questa fascia. Da decidere i valori per poter ritornare ad una certa normalità nonostante la pandemia.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 11-01-2021


Nuovo dpcm, le regioni che rischiano di passare in zona rossa

Azzolina, “Nelle Regioni gialle è tutto aperto tranne le scuole. Sono preoccupata, la Dad non può funzionare”. Studenti in piazza