Irpef ridotta e Iva più alta, albergatori insorgono. La smentita del Tesoro

Irpef ridotta e Iva più alta, albergatori insorgono. La smentita del Tesoro

Il Tesoro smentisce l’ipotesi di Irpef ridotta con Iva più alta per gli alberghi e i ristoranti. Codacons: “Proposta oscena”.

ROMA – L’ipotesi (poi smentita da Tesoro n.d.r.) di Irpef ridotta con Iva più alta per alberghi e ristoranti ha fatto insorgere tutti gli imprenditori del settore. Federalberghi ha commentato la vicenda con un laconico “proposta bislacca“. Addirittura “oscena” per il presidente della Codacons mentre Confcommerico ha parlato di autolesionismo da parte del Governo.

Ma da Palazzo Chigi nessuna conferma sulla vicenda. Anzi, il Tesoro ha smentito questa ipotesi.

La smentita del Tesoro

L’ipotesi è stata smentita quasi subito dal Governo. “Si tratta di una notizia priva di fondamento – hanno fatto sapere fonti del ministero dell’Economia citati dal Corriere della Sera il confronto sulla riforma fiscale è focalizzato sull’Irpef“.

Nessuno scontro, quindi, al momento con esercenti e albergatori ma in futuro non possiamo un aumento selettivo. Da Barretta (M5s) si chiede di riflettere sull’Iva con una riduzione dell’imposta sul carrello della spesa e i beni di prima necessità. Insomma, confronto in corso nella maggioranza per trovare una soluzione che non sembra assolutamente semplice da trovare visto che, come sempre, ci sono posizioni diverse.

ROTTAMAZIONE CARTELLE
fonte foto https://pixabay.com/it/fiscale-forme-reddito-business-468440/

La posizione degli albergatori

Condanna da parte di Federalberghi con il presidente Barnabò Bocca che ha parlato di “proposta oscena“. “Sento dire che la maggior imposta sarebbe pagata dai turisti e sarebbe soprattutto a carico degli stranieri. La verità è che il prezzo principale sarebbe pagato dal nostro Paese, a causa della perdita di competitività del sistema turistico a tutto vantaggio dei Paesi concorrenti […]”.

Il presidente di Confturismo conferma la propria contrarietà alla proposta “perché in questo caso non si tratterebbe di un intervento di razionalizzazione, ma semplicemente di generalizzato incremento dell’imposizione fiscale a carico dell’offerta turistica e cioè di un asset di assoluto rilievo per l’economia e l’occupazione in Italia […]“.

fonte foto copertina https://pixabay.com/it/fiscale-forme-reddito-business-468440/

ultimo aggiornamento: 12-02-2020

X